Tasse: incremento del 40% in 8 anni

Secondo la CGIA di Mestre, le tasse per le famiglie italiane sono cresciute del doppio rispetto ai redditi nel periodo tra il 1995 e il 2013, col prelievo fiscale che ha visto un incremento pari al 40%.

0

Secondo la CGIA di Mestre, le tasse per le famiglie italiane sono cresciute del doppio rispetto ai redditi nel periodo tra il 1995 e il 2013, col prelievo fiscale che ha visto un incremento pari al 40% e i redditi solo del 19% ma, grazie al bonus di 80 euro, la situazione migliorerà nel 2014. Il carico medio fiscale per famiglia, secondo la CGIA, è pari a oltre 15.300 euro all’anno.

L’incremento tra il 1995 e il 2013 di tasse, imposte, tributi e contributi previdenziali è stato dell’oltre 40,4%, con un importo pari a 4.400 euro, una crescita ben oltre il doppio del reddito nominale medio netto disponibile, che è aumentato solo del 19,1%. Dato che diventa negativo se al reddito disponibile viene dedotta l’inflazione. Il potere d’acquisto, cioè il reddito reale ottenuto da questo calcolo, è infatti crollato del 19%, con un quadro di criticità per le quasi 26 milioni di famiglie, che è peggiorato con la crisi. Nonostante, infatti, il lieve calo del peso fiscale tra il 2007 e il 2013, il reddito netto ha subito una sforbiciata di circa 3.000 euro

Tra il 1995 e il 2013 il peso delle tasse, delle imposte, dei tributi e dei contributi previdenziali è aumentato di oltre 4.400 euro (+40,4%). Si tratta, per la Cgia, di una crescita più che doppia rispetto a quella fatta registrare dal reddito nominale netto medio disponibile (+19,1%). Purtroppo, il trend dei redditi cambia completamente segno se si depura l’inflazione dal reddito disponibile: sempre nello stesso arco temporale, il reddito reale, ovvero il potere d’acquisto, è crollato, per la Cgia, del 19%.

Loading...

Rispondi o Commenta