Francantonio Genovese passa a Forza Italia: addio al Partito Democratico che lo mandò in galera

0

Spesso quando si va a votare l‘elettore si chiede se sia meglio puntare sull’uomo, indipendentemente dal partito con cui si candida, oppure mantenere quella coerenza ideologica che porta sempre a mettere la croce sullo stesso simbolo.

Ebbene, nel caso dovesse ricandidarsi alle prossime elezioni politiche, è bene segnalare che l’onorevole Francantonio Genovese non correrà più per il PD dopo una lunga militanza, dal 2007 al 2015. L’avvocato, il cui arresto alla Camera fu votato, tra gli altri, proprio dal PD, ha cambiato casacca, senza passaggi intermedi, scegliendo niente poco di meno che Forza Italia.

Era il 15 maggio del 2014 quando con voto palese la Camera disse sì all’arresto di Francantonio Genovese con 371 voti a favore, 39 no e 13 astenuti. Il PD votò quasi compatto per l’arresto visto che i contrari nel Partito Democratico furono solo sei deputati.

Finisce così nel peggiore dei modi, con il passaggio nella ‘squadra avversaria’, la storia politica di Francantonio Genovese nel PD dopo che del partito, in Sicilia, è stato primo segretario per poi essere nominato, nel 2008, segretario della commissione parlamentare antimafia. Prima di approdare nel PD Francantonio Genovese, che è stato anche Sindaco di Messina, ha militato nella Democrazia Cristiana fino al 1994 per poi passare al PPI, CDU, UDR e DL dal 2002 e fino al 2007.

In accordo con quanto riportato da IlFattoQuotidiano.it, oltre a Francantonio Genovese passano a Forza Italia pure Franco Rinaldi, deputato regionale nonché cognato dell’ex Pd, e la deputata Maria Tindara Gullo sempre in quota Partito Democratico anche se probabilmente solo per qualche altro giorno.

Loading...

Rispondi o Commenta