Addio a John Glenn, muore il primo astronauta USA che volò in orbita intorno alla Terra

E’ morto all’età di 95 anni John Glenn, ovvero l‘ex astronauta che nel 1962 fu il primo statunitense a volare in orbita intorno alla Terra, eguagliando il sovietico Gagarin. L’astronauta, come anticipato, aveva 95 anni, con una lunga carriera alle spalle da senatore; l’uomo stando alle notizie pervenute nella serata di ieri, pare sia morto nell’ospedale universitario Ohio State University Wexner Medical Center, circondato dall’affetto e all’amore della propria famiglia. La notizia della sua morte, sembra essere stata annunciata dal un portavoce dell’Università dell’Ohio che porta il suo nome; al momento non sembra essere nota l’ora esatta del suo decesso, ciò che è certo è che nel 2014 l’astronauta aveva subito un ictus dopo essere stato operato ad una coronaria, e dopo quel momento sembra che le sue condizioni di salute siano andate sempre a peggiorare La morte di John Glenn, è stata commentata dal neo Presidente degli Stati Uniti d’America, ovvero Trump, il quale ha dichiarato:” Glenn è stato un eroe che ha ispirato generazioni di futuri esploratori”.

Messaggio di cordoglio giunto anche dal Presidente uscente, ovvero Obama, il quale ha dichiarato: “Con la morte di John la nazione ha perso il suo simbolo”. Come abbiamo avuto modo di anticipare, Glenn è entrato nella storia anche per il fatto che tornò nello spazio all’età di 77 anni a bordo dello Shuttle Discovery il 29 ottobre 1998 per una missione di 9 giorni. Glenn, prima di diventare astronauta e poi senatore ha iniziato la sua carriera come ufficiale dei Marine, poi nel 1941 ha frequentato l’Università, in seguito al bombardamento giapponese di Pearl Harbor, arruolandosi poi come pilota e partecipando alla campagna delle Isole Marshall. Glenn, ha preso parte anche guerra di Corea, al termine della quale divenne pilota collaudatore, dopo aver conseguito diversi record di velocità. Nel 1960 viene arruolato tra i Mercury Seven, i primi sette astronauti della Nasa destinati al programma spaziale Mercury; il 20 febbraio nello specifico Glenn su lanciato nella missione Mercury-Atlas 6, rimanendo 4 ore e 55 minuti nello spazio.

La sua carriera come astronauta dapprima e poi come pilota di guerra, lo lanciarono anche in politica e per questo motivo divenne amico del giovane JFK e di Bob Kennedy e tra l’altro fu proprio la famiglia Kennedy ad incoraggiarlo a candidarsi come senatore dell’Ohio. Glenn venne eletto e rimase in Congresso per oltre 24 anni, fino al 1997 quando ha annunciato ufficialmente il suo ritiro. Proprio riguardo la carriera politica, nella giornata di ieri il Presidente uscente, Barack Obama, ha dichiarato: “John aveva sempre la risposta giusta ispirando generazioni di scienziati, ingegneri e astronauti che ci porteranno su Marte non per una breve visita ma per restarci. A nome di una nazione riconoscente, (Godspeed) buona fortuna, John Glenn”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.