Concorso Cancellieri 2016 in scadenza, 800 posti disponibili: news bando, requisiti e prove

Mancano ancora pochi al termine ultimo per la presentazione della domanda di partecipazione al Maxi-Concorso per cancellieri bandito dal Ministero della Giustizia, per il quale bisognerà affrettarsi se si vuole occupare uno degli 800 posti disponibili per cancellieri e assistenti giudiziari previsti dal bando di concorso. L’ultimo giorno disponibile per aspiranti cancellieri e assistenti giudiziari sarà giovedì 22 dicembre, giorno ultimo per la presentazione delle domande.

Innanzitutto, il primo passo da fare, per chi è ovviamente interessato a partecipare al concorso, sarà quello di iscriversi al sito del Ministero della Giustizia, inserendo il codice fiscale ed un contatto mail, poi una volta effettuato questo passaggio, si potrà accedere alla compilazione della domanda per il concorso, inserendo tutti i dati personali richiesti, ovvero:
– nome e cognome;
– codice fiscale;
– residenza e numeri telefonici di reperibilità;
– luogo ove desidera ricevere eventuali comunicazioni relative al concorso se diverso da quello di residenza;
– indirizzo di posta elettronica.

Al termine della compilazione della domanda, bisognerà stamparla, firmarla ed allegarla insieme ad un documento di riconoscimento in corso di validità, ed il tutto dovrà essere allegato in un unico file che dovrà essere rigorosamente in PDF, che dovrà essere spedito entro e non oltre il prossimo 22 dicembre 2016. La domanda, così come ormai avviene per tutti i concorsi, dovrà essere spedito solo ed esclusivamente via telematica, non sono ammesse altre modalità di spedizione. Potranno, dunque, partecipare al Concorso per cancellieri bandito dal Ministero della Giustizia, coloro i quali risultino in possesso di determinati requisiti, tra i quali:
– avere la cittadinanza italiana
– godere dei diritti civili e politici
– avere un’età non inferiore a diciotto anni
– godere dei diritti civili e politici
– avere l’idoneità fisica all’impiego, da intendersi per i soggetti con disabilità, come idoneità allo svolgimento delle mansioni di assistente giudiziario di cui al vigente ordinamento professionale;
– essere in possesso di qualità morali e di condotta di cui all’art.35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165;stati destituiti o licenziati a seguito di procedimento disciplinare o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero coloro che siano stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi, o interdetti dai pubblici uffici per effetto di sentenza passata in giudicato;
– non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso, ed in caso contrario indicare le eventuali condanne penali riportate anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale;
– aver completato con esito positivo il tirocinio formativo presso gli uffici giudiziari ai sensi dell’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, pur non avendo fatto parte dell’ufficio per il processo come indicato dall’art. 16-octies, comma 1-quinquies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, come modificato dall’art. 50 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114;
– essere in possesso di eventuali titoli di riserva tra quelli indicati all’art. 2 del presente bando, previsti dalla vigente normativa per particolari categorie di cittadini;
– essere in possesso dei titoli di preferenza e precedenza di cui all’art. 9 del presente bando.

Si tratta di un concorso per titoli ed esami, e questo presuppone che i candidati verranno sottoposti a delle prove, due nello specifico una scritta ed un colloquio, il quale avrà l’obiettivo di accertare la conoscenza della lingua straniera e delle capacità ed attitudini all’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche. Per quanto riguarda la prova scritta, invece, questa consisterà in un questionario di circa 60 domande a risposta multipla, su elementi di diritto processuale civile.Prevista anche una seconda prova scritta, che consisterà nella somministrazione di n.60 domande a risposta multipla aventi ad oggetto elementi di diritto processuale penale. Come abbiamo più volte anticipato, il termine ultimo per presentare la domanda è giovedì 22 dicembre 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.