Paura in Messico, esplosione in un mercato di fuochi d’artificio: il bilancio è di 32 morti e 72 feriti

0

Una vera e propria strage è quella che si è verificata nella giornata di ieri, mercoledì 21 novembre 2016 in Messico dove ha avuto luogo una violentissima esplosione che ha sconvolto davvero moltissime persone in tutto il mondo e a causa del quale almeno 32 persone hanno perso la vita mentre tanti altri sono rimasti feriti. Secondo quanto emerso dalle prime indiscrezioni sulla vicenda l’esplosione in questione sembrerebbe essere avvenuta all’interno del mercato di fuochi d’artificio ‘San Pablito’ a circa 40 chilometri a nord di Città del Messico dove, sempre stando a quanto emerso dalle prime indiscrezioni, espongono la loro merce circa 300 banchi e si vende circa l’80% dei fuochi artificio acquistati nell’intero Paese. Al momento in cui si è verificata la serie di esplosioni, circa sei in totale, al mercato in questione erano presenti almeno due mila persone che si erano appunto recate sul posto per ammirare ma anche acquistare una grande varietà di fuochi pirotecnici in prossimità delle festività e che hanno dunque avuto modo di assistere, di persona, a quanto di incredibile e allo stesso tempo terribile è accaduto e purtroppo tra le tante persone che hanno assistito all’esplosione circa 32, o almeno questo è il bilancio attuale, non sono riuscite a sopravvivere e nell’esplosione hanno perso la vita mentre invece altre 72 persone sono rimaste ferite anche se il bilancio sembra aumentare di ora in ora.

Ed infatti in un primo momento si era parlato di 46 persone rimaste ferite, tra queste anche una ragazzina di soli 13 anni che ha riportato delle gravi ustioni in tutto il corpo, ma ecco che nelle ore successive il bilancio dei feriti è salito da 46 a 72 e tra questi, che in seguito alla serie di esplosioni sono stati immediatamente soccorsi e ricoverati in ospedale, sarebbero circa cinque le persone in gravi condizioni di salute mentre invece per quanto riguarda le vittime, su 32 solamente 13 sarebbero state quelle identificate dalle famiglie mentre invece, per le altre vittime sarà necessario effettuare il test del Dna per poter scoprire la loro reale identità.

Un testimone che ha avuto modo di assistere a quanto di terribile accaduto ha raccontato nel corso di una recente intervista “Subito dopo la prima esplosione, tutto ha cominciato ad andare a fuoco. C’era gente in fiamme che correva in ogni direzione” mentre invece il presidente Enrique Pena Nieto è intervenuto scrivendo poche parole su Twitter con le quali ha voluto esprimere il suo cordoglio per le vittime oltre che “l’augurio di una pronta guarigione per i feriti”. Il terribile incendio causato appunto dalle sei esplosioni ha devastato tutto, del mercato non è rimasto più nulla e al momento sono in corso le indagini per stabilire quelle che sono le reali cause di quanto accaduto.

Loading...

Rispondi o Commenta