Giappone, scoperta shock: trovato piccolo cervello all’interno di un tumore all’ovaia di una 16enne

Scoperta shock quella effettuata da un gruppo di chirurghi giapponesi durante un normale intervento di appendicectomia, effettuato su una ragazza di soli 16 anni. Ebbene si, l’ovaia della 16enne pare contenesse al suo intervento una piccola parte di cervello con dei capelli, il tutto coperto da una parte di osso cranico. Ci troviamo davanti ad un caso di teratoma ovarico, ovvero un tumore maligno o bordeline che si sviluppa a partire da gameti mutati, e dunque principalmente in sede ovarica nelle onne e testicolare negli uomini; il tumore è composto da tessuti derivanti da tutti e tre i foglietti embrionali, ovvero ectoderma, endoderma e mesoderma. Ad oggi non si sa quale sia la causa che scateni un tumore simile in una donna e raramente nell’uomo. La particolarità di questa specie di tumore, è che segue le indicazioni del DNA, e potrebbe concepire una persona all’interno di un’altra; in questo caso non si tratterebbe di un clone, ma proprio di una massa organica che non riesce a completare la propria formazione. Ciò che non abbiamo ancora detto è che il teratoma, un tumore considerato piuttosto pericoloso e assolutamente da non sottovalutare, ha delle complicanze ormonali, con paranoia, cambiamenti dell’uomo, confusione e perdite di memoria e questo perché il sistema immunologico riconosce la presenza di altre cellule neuronali.

Ritornando al caso della 16enne, durante l‘intervento dunque i medici hanno trovato un tumore molto grande, di dimensioni pari a circa 10 cm ed al suo interno, come abbiamo anticipato, conteneva 3 cm di struttura cerebrale, nonché tracce di capelli. Una volta estratto il tumore, gli scienziati hanno analizzato il contenuto, e pare si sia trattato di una versione rimpicciolita di cervelletto, ovvero quella parte del cervello che si trova nel’area inferiore e posteriore del cranio. Stando a quanto è emerso, non sembra essere così tanto raro trovare all’interno dei teratomi alle ovaie delle cellule neuronali ma solitamente queste vengono trovate organizzate in vere e proprie strutture cerebrali. E’ questo quanto riferito dal ricercatore Masayuki Shintaku, del Centro Medico Shiga per adulti in Giappone, a New Scientist. 

Il precedente caso era stato scoperto nel 2003 ed era stato riscontrato nel corpo di una 25enne che conteneva addirittura un corpo in miniatura, con tanto di cervello, quattro estremità, ossa e vari denti. Le cause, come abbiamo già anticipato, sembrano essere ad oggi ancora sconosciute ma si ritiene che in generale i teratomi siano dovuti allo sviluppo autonomo di cellule embrionali che si isolano, si rendono indipendenti dal resto dell’organismo già in una fase precoce della vita embrionale. I sintomi possono variare e dipendono da tanti fattori, tra i quali la sede interessata, la benignità o malignità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.