Andrea Loris morto per strangolamento, proseguono le indagini

Continuano senza tregua le indagini per ricostruire gli avvenienti che hanno portato alla morte inspiegabile di Andrea Loris Stival, il bambino di otto anni morto a Ragusa. La sparizione del piccolo risale a sabato mattina, e i genitori avevano provveduto subito a informare le forze dell’ordine che si sono prodigate in una ricerca durata sino alle 4 del pomeriggio, quando il corpo privo di vita del bambino è stato rinvenuto in un canale.

E le indagini passano, purtroppo, per l’autopsia, che ha rivelato la causa del decesso: strangolamento. Il carnefice del piccolo, prima di gettarlo nel canale dove è stato rinvenuto annegato, lo ha prima strangolato e poi gettato, con violenza, nel fosso.

E si infittisce ulteriormente il giallo su una possibile violenza sessuale ai danni del bambino, con violenze che potrebbero essersi protratte per diverse volte – malgrado l’ipotesi non sia ancora stata verificata, come precisa il PM che segue le indagini, il quale assicura che gli inquirenti non stanno escludendo alcuna pista, sebbene alcune siano più “privilegiate” di altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.