Terapia cellulare per i bimbi affetti da patologie cardiache

Uno dei problemi noti e più importanti da affrontare per i malati di cuori è, spesso, la scarsa offerta di un nuovo cuore da trapiantare, a fronte di domande esorbitanti: ciò riguarda soprattutto i bambini, che sono tra le prime vittime di questo disequilibrio che molto spesso, troppo spesso, non consente loro di arrivare in tempo per assaporare la vita, perché il cuore, quando arriva, arriva troppo tardi.

Per consentire ai 4mila bambini che ogni anno soffrono di insufficienza cardiaca pediatrica di allungare i tempi e le loro aspettative di vita in attesa di un cuore nuovo, è stata realizzata, in collaborazione con Conad (che ha offerto 860mila euro), una nuova terapia rigenerativa miocardica, che insieme all’impianto di cuori artificiali, dovrebbe migliorare la situazione di salute dei piccoli pazienti.

Per fare ciò, si utilizzano cellule staminali prelevate al paziente al momento dell’impianto, che, date le loro innumerevoli potenzialità, potranno generare nuovo tessuto miocardico e consentire un migliore recupero della funzionalità cardiaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.