Abolito limite d’altezza per entrare nella polizia e nelle forze armate

Importanti novità che interesseranno soprattutto tutti i ragazzi italiani che vorranno accedere alle forze armate. Fino ad oggi vi era un requisito che ha impedito a tanti giovani di poter realizzare il proprio sogno ed entrare nella forze armate. Stiamo ovviamente parlando dell’altezza, paletto che è stato abolito, direttamente dal Consiglio dei ministri. Su proposta del Premier Renzi, il governo ha, dunque, approvato il regolamento “In Materia di parametri fisici per l’ammissione ai concorsi per il reclutamento nelle forze armate, nelle forze di polizia a ordinamento militare e civile e nei vigili del fuoco”, che di fatto abolisce il limite minimo di altezza per accedere nelle forze armate e in polizia.

Nella nota del Consiglio dei Ministri, si legge quanto segue:«Si è deciso quindi di non precludere l’accesso alle forze armate, alle forze di polizia e al corpo dei vigili del fuoco in ragione della mancanza del requisito dell’altezza minima prevista dalle attuali disposizioni, ma di consentire la valutazione dei soggetti in base a differenti parametri dai quali possa comunque desumersi la più generale ma imprescindibile idoneità fisica del candidato allo svolgimento del servizio militare o d’istituto».

Non si tratta di un regolamento già attivo, perché prima dovrà passare all’esame del Consiglio dei Ministri e delle commissioni parlamentati competenti. Dunque, fino a quando questa proposta non verrà entrerà in vigore, rimangono in atto i limiti fino ad ora validi, ovvero per gli ufficiali, sottufficiali e volontari delle forze armate 1,65 cm per gli uomini e 1,61 per le donne, per la Marina invece non si dovrà superare i 1,90 cm, per gli ufficiali dei carabinieri, 1,70 per gli uomini e 1,65 per le donne; per la polizia 1,65 cm per gli uomini e 1,61 per le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.