Alessandra Amoroso: «Per una settimana sono dovuta stare muta», ha scritto ai fan. “Ma ritornerò in scena ancora più forte”

0

Per fortuna ora sta bene. Ma quando Alessandra Amoroso ha comunicato a tutti i suoi fan che l’attendeva un ricovero in ospedale in vista di un intervento serio e delicato, in molti hanno iniziato a preoccuparsi. Ma, così come è stata premurosa a informare la sua big family delle sue condizioni, la Amoroso è stata altrettanto pronta a rassicurare tutti all’uscita dalla sala operatoria. E se potesse, griderebbe al mondo che il peggio è passato. Ma non può, non ancora.

La cantante salentina, infatti, è stata operata alle corde vocali per la rimozione di due noduli che le impedivano di cantare. Chiunque, al posto suo e nelle sue condizioni, ne avrebbe fatto un dramma. Lei, forte della sua serenità d’animo, ha voluto tranquillizzare i suoi sostenitori. Come un fulmine a ciel sereno il 28 luglio scorso Sandrina, come la chiamano affettuosamente, ha postato un video sulla sua pagina Facebook: «Sarei dovuta rimanere in Messico per 15 giorni, ma in realtà dopo una settimana sono tornata in Italia perché avevo un po’ di problemi con la voce: mi mancava, non riuscivo a cantare», ha raccontato. «Quando ancora ero in Messico ho deciso di andare da un foniatra che mi ha trovato due noduli sulle corde vocali e mi ha consigliato l’operazione. Così, sono rientrata in Italia e, dopo aver consultato vari medici, ho scelto di subire l’intervento. È una fesseria, niente di che. Purtroppo succede quando si usa troppo la voce. A me è successo.

Tutto questo rallenterà i miei impegni di lavoro, ma per me la salute è al primo posto. Ci tenevo a dirlo. Un po’ di progetti verranno naturalmente posticipati perché durante la prima settimana di convalescenza dovrò stare muta. E di questo è felice la mia famiglia, perché in casa non mi sentiranno parlare. Io comunque sono serena perché ritornerò più forte che mai».
Non mentiva, Alessandra. Il giorno dopo, infatti, è entrata in sala operatoria per uscirne sorridente e, finalmente, rilassata. L’ha scritto sul suo Instagram, commentando un selfie che la vedeva ancora sdraiata sul letto dell’ospedale, con la cuffietta d’ordinanza in testa: «Finito tutto e sto da Dio. Tutti i vostri cuori erano per me e mi avete dato forza».

Non è stato facile per lei affrontare questa battaglia: per un cantante, avere problemi con la voce è decisamente un incubo. Anche se non ha mai smesso di sorridere, la Amoroso ha dovuto rinunciare a un appuntamento professionale importante e atteso: l’ingresso nel mercato discografico latinoamericano. A maggio, infatti, era stato pubblicato il suo primo singolo in spagnolo, Gritoy no me escuchas, versione tradotta di Urlo e non mi senti. E proprio in Messico stava lanciando il suo secondo singolo in spagnolo, Me siento sola, quando sono iniziati i problemi di salute.
Di certo, però, in questi giorni non deve soffrire di solitudine.

Benché sia single ormai da più di un anno, da quando è finita la sua storia con Luca De Salvatore, l’amore non le manca. Quello della sua bigfamily è sempre più forte, e lei lo sa bene: «Ho passato giorni delicati, ma non difficili, giorni in cui mi sono sentita accompagnata per mano, da mille mani e ognuna di queste emanava calore d’amore e di bene». Quello dei colleghi, su tutti Emma Marrone che, appena saputo del ricovero, ha twittato: «Super mega in bocca al lupo alla mia amica #forzasandrina». Quello dei suoi amici storici, celebrati con una considerazione carica di affetto: «L’amicizia è quella grande cosa che racchiude un milione di piccole cose».

Infine, quello più importante, quello della sua famiglia che proprio in questo momento particolare non le fa mancare sostegno e supporto: la vincitrice di Amici 8 è coccolata da mamma Angela e papà Walter, ma anche dalle sorelle Francesca, che vive a Lecce con suo marito, e Marianna, che fa l’estetista a Roma, ma è tornata nella casa di Galatina, dove Sandrina sta trascorrendo le sue giornate senza poter parlare.
La sua convalescenza procede dunque per il meglio: dopo la prima settimana di silenzio assoluto, in questa seconda settimana Alessandra ha fatto sapere che può parlare per pochi minuti all’ora. La ripresa è già iniziata. Tra pochi giorni, esattamente il 12 agosto, Alessandra soffierà su 29 candeline e, a chi le farà tanti auguri, dopo il silenzio forzato, finalmente potrà dire “grazie”. A voce.

Rispondi o Commenta