Allarme hacker lanciato da Intel Security, nel mirino le infrastrutture satellitari

Un nuovo allarme hacker è arrivato negli ultimi giorni e sembrerebbe essere stato lanciato da Intel Security, secondo cui ad essere stati presi di mira sono proprio le infrastrutture satellitari. Stando a quanto dichiarato dagli esperti dell’Intel Security sembrerebbe che i satelliti presenti in orbita e che sono collegati con le apparecchiature elettroniche sulla Terra non siano molto sicuri piuttosto molto vulnerabili proprio perché alla base mancherebbero misure di sicurezza sufficienti a bloccare i probabili attacchi.

Inoltre, l’Intel Security ha anche lanciato l’allarme dichiarando che qualora i nostri sistemi di telecomunicazioni venissero violati, le conseguenza per i nostri dispositivi sarebbero davvero molto gravi.

La proliferazione dei satelliti, utilizzati per sostenere la nostra connettività di tutti i giorni e le comunicazioni, rende questo settore un vettore di crescente attacco. Abbiamo visto crescere gli esempi di vulnerabilità all’interno di reti satellitari e il loro sfruttamento a scopo di lucro da parte degli hacker”, ha dichiarato Raj Samani, CTO di Intel Security per la regione Enea, il quale sottolinea il fatto che è necessario che le aziende e le pubbliche amministrazioni diano maggiore importanza alla sicurezza nel settore aerospaziale e dei satelliti.

“La nostra dipendenza da satelliti in orbita bassa per supportare l’infrastruttura di telecomunicazioni ci ha lasciato esposti a vulnerabilità, intercettazioni, e violazione della privacy.Di tali vulnerabilità si sono già serviti gruppi criminali che stanno sfruttando le comunicazioni satellitari commerciali per nascondere il proprio operato e le infrastrutture di controllo rendendosi irrintracciabili dalle piccole imprese che non sono in grado di rintracciarli tramite le infrastrutture satellitari hackerate”, conclude Samani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.