Allerta terrorismo, tre siriani fermati ad Ancona con documenti falsi: a breve verranno espulsi dall’Italia

E‘ allerta terrorismo nel nostro paese, dove le operazioni di polizia condotte in varie regioni d’Italia hanno portato al fermo di vari “sospetti”, alcuni di questi già espulsi, altri pronti per il ritorno nella loro patria a breve.

Nella giornata di ieri sono stati fermati tre siriani in possesso di passaporti falsi, e di conseguenza arrestati dalla Polizia Ferroviaria ad Ancona. I tre sospettati, sono stati fermati mentre stavano per salire sul treno delle 2:45 in direzione Milano.

I tre sospettati, hanno subito di chiarato di essere sbarcati nel porto di Bari, nascosti all’interno di un container, e di aver comprato i documenti falsi in Turchia,per mille euro.Subito dopo il loro fermo, i siriani sono stati condannati ad un anno e saranno espulsi nel giro di poco tempo. Intervenuto sulla vicenda Giacomo Stucchi, il Presidente del Copair, ovvero il Comitato parlamentare di controllo dei servizi segreti, il quale in un’intervistato,in riferimento al rischio di attentati terroristici nel nostro paese ha dichiarato:”Nessuno ha la certezza che non accadrà nulla”.

 “C’è un livello di minaccia significativa e naturalmente bisogna tenere in considerazione che c’è un rischio sostanzialmente quasi concreto che possa accadere qualcosa. Il messaggio da far passare è che da un lato non si può vivere nel terrore, e quindi dobbiamo continuare con la nostra vita normale, dall’altro, però, bisogna stare molto attenti a quello che accade attorno a noi”,ha aggiunto Stucchi.Nelle ultime due settimane, la Polfer di Ancona ha arrestato complessivamente quattro persone e colto in flagranza di reato e denunciato un uomo che poneva ostacoli sui binari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.