Alunni deridono professori su WhatsApp, sospesi in 22: pugno duro della preside, furiosi i genitori

Quella che è scattata nel Torinese, ed in particolare in una scuola del Comune di San Francesco al Campo, è stata una vera e propria sospensione di massa. Sì, perché ben 22 alunni sono stati sospesi in un sol colpo per aver deriso via WathsApp i professori. Non tutti i genitori degli alunni sono però d’accordo con la decisione della preside, che ha usato il pugno duro. Ci sono genitori, infatti, a dir poco furiosi in quanto sarebbe stata palesemente violata la privacy.

In pratica i ragazzi, durante le ore di lezione, riprendevano con lo smartphone di nascosto i professori, e poi, inserendo frasi di scherno, facevano circolare i video. I 22 alunni puniti hanno tutti dai 12 ai 13 anni in quanto, presso l’Istituto scolastico di San Francesco al Campo, frequentano la seconda e la terza media.

In particolare, in accordo con il provvedimento che è stato firmato dalla dirigente scolastica, dei 22 studenti 6 sono stati sospesi per un giorno, mentre tutti gli altri se la sono cavata con sole 3 ore di sospensione. Ed a quanto pare, come sopra accennato, molti genitori piuttosto che spiegare ai figli che l’errore commesso non va più ripetuto, hanno palesemente protestato ed hanno minacciato pure azioni legali citando proprio la violazione della privacy, I video sono stati infatti scoperti dopo che un’insegnante, che si era insospettita, ha sequestrato tutti gli smartphone. E così l’Istituto ha dovuto fissare nel pomeriggio una riunione con il gruppo di genitori che non è d’accordo con il provvedimento disciplinare che è stato preso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.