Amici casting: Stefano De Martino torno da Maria De Filippi

Nei corridoi di Amici casting l’emozione è palpabile. Come si vede nella striscia quotidiana in onda su Reai Time (canale 31), gli aspiranti concorrenti della scuola di Maria De Filippi (che riaprirà il 21 novembre) riescono a stento a tenere a bada l’ansia. Ma ecco due angeli custodi che si aggirano negli studi per sostenere i candidati in attesa del verdetto dei professori: hanno il compito di scoprire talenti adatti a comporre la nuova classe di Amici.

«So bene come funziona la scuola» Si tratta di Stefano De Martino e di Marcello Sacchetta, che, in veste di supporter, danno consigli e regalano abbracci di incoraggiamento. Stefano, in particolare, è una specie di fratello maggiore che la sa lunga, perché ci è già passato prima: dopo aver partecipato ad Amici 9 come allievo, De Martino ha fatto parte del team di ballerini professionisti fino al 2013, momento in cui ha abbandonato il programma per stare vicino alla moglie Belén Rodriguez e al figlio Santiago nato da poco. «Conosco a menadito i meccanismi della scuola e quindi sono facilitato nell’approccio con i ragazzi», racconta  il ballerino. «Cerco di trasferire loro la mia esperienza perché credo di aver affrontato al meglio il mio percorso da allievo. La prima cosa che devono capire? Amici è un punto di partenza e non di arrivo. È una carta che devono giocare bene, perché può essere fondamentale per la loro carriera». Che cosa raccomandi in particolare?

«Di affidarsi completamente ai professori. Loro hanno il compito di sviluppare i talenti e sono ben lieti quando ne scovano uno da portare avanti. In questi anni ad Amici ho visto ragazzi cambiare tanto: in sei mesi sono migliorati al punto da affrontare esperienze lavorative che prima non avrebbero neanche potuto immaginare. Inoltre è importante non porsi in modo spigoloso nei confronti dei professori: mai pensare di non aver bisogno di suggerimenti o, tanto meno, contestare i consigli. Bisogna essere pronti ad accogliere ogni tipo di critica, magari per trasformarla in un vantaggio».

Aver già percorso la loro strada ti sta aiutando in questa prima esperienza di conduzione? «Mi trovo a mio agio, perché parlo di argomenti che conosco da vicino. Dopo tanti anni, sperimento finalmente qualcosa di nuovo. Ho approfondito il discorso danza, e continuo a farlo, ma questo nuovo obiettivo è senz’altro molto stimolante».
Ti piacerebbe continuare come conduttore? «Ho sempre cercato di dare il massimo e di sfruttare al meglio ogni occasione. Se questa esperienza andrà bene, magari porterà nuove opportunità. Tento di scegliere sempre la strada più adatta ‘ al mio modo di essere, di non snaturarmi mai. Se un progetto mi appassiona, a prescindere che si tratti di ballare o di condurre, io accetto».

«In Tv con mia moglie? Perché no?»Ti piacerebbe condurre una trasmissione con tua moglie Belén? «Potrebbe essere una possibilità divertente, un’idea buona se contesto e progetto fossero giusti. Sono convinto che tutto quello che si fa con passione, alla fine venga bene». Anche il prossimo appuntamento è una nuova sfida: Piccoli giganti, una sorta di “Amici per bambini”, che ti vedrà impegnato in qualità di tutor…

«Il programma andrà in onda il prossimo inverno e sono contentissimo di farlo perché, dopo essere diventato padre, il mio rapporto con i bambini è totalmente cambiato. Mi entusiasma lavorare con i piccoli, perché sono genuini». Giochi spesso con il tuo Santiago? «Io sono l’addetto agli sport “estremi”: lotta, salti dal letto al divano, corse per la casa, costruzione di fortezze con cuscini, lenzuola e asciugamani. Con lui ho riscoperto il tempo dei giochi, riesco a dedicargli almeno un’ora al giorno».

Tu e Belén riuscite a organizzare spazi di tempo condiviso con il bambino? «A parte le assenze per qualche lavoro complicato, siamo sempre con lui». Sia tu sia tua moglie fate parte della squadra di Maria. Che cosa rappresenta la De Filippi per la vostra famiglia? «E la persona che ha creduto in me prima di tutti gli altri e ha fatto sì che io arrivassi fin qui. Nonostante io abbia sempre studiato e cercato di prepararmi, è stata lei che mi ha aperto le porte dello spettacolo. Mi ha insegnato tanto. E fondamentale per tutto quello che mi è successo dopo che l’ho incontrata».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.