Arriva il regolamento per la fecondazione eterologa

0

Dopo le varie sentenze della Corte Costituzionale che ha di fatto demolito l’ impianto normativo, ora vi sono finalmente delle linee guida per la fecondazione eterologa. Lo scopo del regolamento è sicuramente quello di ridurre al minimo il rischio di unioni inconsapevoli fra consanguinei nati da eterologa.

Il Regolamento sulla fecondazione eterologa è stato messo a punto dal ministero della Salute ed ora è stato trasmesso alla Conferenza Stato-Regioni. Scorrendo il testo scopriamo che la fecondazione prevede che sarà permessa per gli uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni e tra i 20 e i 35 per le donne. Questi limiti sono previsti per la sicurezza dei pazienti. Si è anche stabilito il numero massimo di nati per ogni donatore, che non potranno avere più di figli, tranne particolari deroghe. Sarà istituito il Registro nazionale dei donatori che permetterà di monitorare e contare le nascite e bloccare i gameti del donatore quando il tetto è raggiunto.

Per la selezione del donatore è stata creata una procedura specifica che prevede come prima cosa l’anamnesi sanitaria e medica del donatore, attraverso un colloquio, compilazione di un questionario dedicato, fatta del medico responsabile della selezione. Sarà obbligatoria una consulenza genetica scritta per avere uno screening delle malattie genetiche, tenendo anche conto del contesto etnico del donatore. Ulteriori esami possono essere previsti, inclusa la mappa cromosomica al fine di ridurre al minimo il rischio di trasmissione di patologie ereditarie. Per tutti sará obbligatorio il test della fibrosi cistica.

Naturalmente è vietata la donazione tra parenti fino al quarto grado, al fine di evitare il rischio di trasmissione di eventuali patologie genetiche. Il donatore avrà il diritto all’anonimato come previsto dalle norme sulla privacy, dato che la coppia che ricorre alla fecondazione eterologa riceve infatti un’informazione completa sugli esami fatti ma mai riceverà dati sulla sua identità.

Rispondi o Commenta