Artrite reumatoide, scoperte tre nuove molecole per i casi più difficili

0

Importanti passi in avanti nel campo della medicina.Importanti novità sono in arrivo soprattutto per coloro i quali soffrono di artrite reumatoide, ovvero una poliartrite infiammatoria cronica, anchilosante e progressiva a patogenesi autoimmunitaria e ad eziologia sconosciuta a carico soprattutto delle articolazioni sinoviali. Purtroppo si tratta di una patologia molto seria perchè in molti casi, gravi appunto può portare aumento di morbidità e riduzione delle aspettative di vita.

I ricercatori della Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Policlinico Agostino Gemelli di Roma in collaborazione con colleghi del Consiglio Nazionale delle ricerche di Roma hanno scoperto tre nuove classi di molecole utilizzabili per i casi più gravi di artrite reumatoide.

Queste tre nuove molecole, dunque, efficaci per i casi più gravi di artrite reumatoide sono già oggetto di brevetto e nel giro di poco tempo diventeranno dunque un farmaco, grazie all’interessamento della Società farmaceutica italiana Galsor Srl. “Per selezionare i principi attivi di potenziali nuovi farmaci, abbiamo usato la tecnica dello screening virtuale, selezionando da una libreria virtuale, contenente centinaia di migliaia di composti, le molecole la cui forma tridimensionale si adatta bene al bersaglio farmacologico specifico, come in un puzzle”,ha dichiarato la ricercatrice dell’Icrm-Cnr Maria Cristina De Rosa.

“Il farmaco sarà vantaggioso per una parte consistente e facilmente identificabile dei pazienti, aumentando l’efficacia e riducendo gli effetti collaterali e i costi dell’approccio attuale”,ha dichiarato il Professor Gianfranco Ferraccioli, Ordinario di Reumaologia all’Università Cattolica e Direttore del Polo Urologia, Nefrologia e Specialità mediche del policlinico A.Gemelli. Per sapere quando il farmaco sarà disponibile bisognerà attendere ancora un pò di tempo, visto che i tempi dipenderanno dagli investimenti che verranno effettuati.

Rispondi o Commenta