Attenzione al Paracetamolo, soprattutto se aspettate un maschio: il farmaco non è innocuo come sembra

0

Attenzione al paracetamolo, considerato da sempre un principio attivo economico, sicuro ed efficace, ma adesso queste caratteristiche sono state messe sotto accusa. Il paracetamolo è uno dei farmaci più utilizzato dagli italiani e si piazza infatti al primo posto con oltre 2,8 milioni di confezioni tra i farmaci di automedicazione più venduti in Italia.

Purtroppo stando ai risultati di una ricerca pubblicata dagli esperti dell‘Università di Edimburgo il paracetamolo se utilizzato con frequenza e in special modo in gravidanza, porterebbe gravi danni al feto soprattutto se maschio; i bambini potrebbero sviluppare problemi di infertilità come i testicoli ritenuti, o nei giovani adulti, il basso numero di spermatozoi o di cancro a cellule germinali del testicolo sono associati a livelli di testosterone più bassi nel feto.

I ricercatori, dunque, lanciano un appello alle donne in gravidanza, esortandole a pensarci anche due volte prima di assumere tale farmaco. Purtroppo gli effetti collaterali del paracetamolo non finiscono qui, nel senso che stando anche ad altri studi, è emerso che non è proprio il farmaco adatto per il mal di schiena. Il paracetamolo dunque non è così innocuo come sembra, e dunque le mamme in gravidanza devono stare molto attente ad assumere questo farmaco. Il consiglio degli esperti dell’Università di Edimburgo per le donne in gravidanza è quello di assumere il paracetamolo in dose minima e per il più breve tempo possibile.

 «C’è un notevole ritardo da parte dei medici e degli assistiti nella gestione del dolore cronico. Si dovrebbe spiegare ai pazienti che questa condizione di per sé non fa alcun danno e spesso non si può curare con una sola pasticca. Per molte persone, inoltre, ormai è un placebo e non ha realmente effetti», ha dichiarato Dickson, ovvero John Dickson, ex medico di famiglia in pensione di Northallerton.

Rispondi o Commenta