Aurora condurrà X Factor, piovono polemiche sulla figlia di Eros Ramazzotti e la Hunziker

La corsia preferenziale esiste, è inutile nascondersi dietro un dito: essere “figli di” spiana la strada. Una bella spinta da parte di mamma o papà e il gioco è fatto. Fresca di diploma, Aurora Ramazzotti ha trovato già il suo primo lavoro. E che lavoro! La figlia del cantautore Eros e di Michelle Hunziker condurrà X Factor Daily, da ottobre. Immediatamente il web si è scatenato: con commenti velenosi sull’ennesima raccomandata che arriva in Tv grazie al cognome, proprio in un programma che dovrebbe premiare il talento. Eros, cuore di babbo…, ha resistito un pochino, poi è sceso in campo su Instagram: «Smettetela di sparare sentenze anche molto offensive nei confronti di chi ha più possibilità. Verosimilmente ve le dimostrerà alla grande, sbugiardandovi alla prima occasione». Secondo Mara Maionchi, confermata al timone di Extra Factor, il popolo del web dovrebbe aspettare prima di giudicare. A Nuovo dice: «Aurora è una ragazzina con ambizioni, desideri ed età di molti concorrenti di X Factor. Potrebbe essere partecipe in maniera particolare, con un linguaggio più vicino a quello dei concorrenti. Mi auguro che sia come il suo papà, all’inizio, e anche come sua mamma: semplice e diretta».

E Michelle? A giudicare dalle voci che circolano, la conduttrice di Striscia la notizia potrebbe aver “pilotato” il debutto della figlia in Tv per tenerla più vicina a casa. «La Hunziker è felice del fatto che Aury abbia rinviato la partenza per Londra, dove dovrebbe continuare gli studi. Considera molto formativo che cominci a lavorare, per capire che cosa significa essere indipendente», svela a Amovo un collaboratore di Mediaset. «Poi la vede innamorata di Edoardo (nipote del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, ndr) e le fa piacere che abbia la possibilità di stargli più vicina». Anche se, negli ultimi giorni, girano voci di rottura tra la giovane Ramazzotti e il suo boyfriend.

Intanto un’altra “figlia di” è finita nel calderone dell’indignazione: Cristèl Carrisi, figlia di Al Bano e Romina Power, candidata a condurre Lo zecchino d’oro su Raiuno.
Che dire poi di suo fratello Yari? Persino lui, forse anche grazie al cognome Carrisi, sarà su Raidue da settembre con Pechino Express, reality cui partecipa, tanto per restare in tema, col rapper Pico Rama (all’anagrafe Pier Enrico Ruggeri, erede del cantautore Enrico). Tuttavia la carica dei famosi sembra aver preso d’assalto questa edizione, che vede in gara anche Naike Rivelli e Andrea Fachinetti, due dei rampolli di i Ornella Muti. Essere figli d’arte è dunque un privilegio, un modo per arrivare facilmente alla meta, però poi bisogna essere all’altezza. Alberto Angela è un esempio riuscitissimo di passaggio del testimone: seguendo il padre Piero, si è affermato nel campo della divulgazione scientifica con programmi come Ulisse e Notte al museo. Anche Claudio Amendola, figlio di Ferruccio, doppiatore e attore, dimostra che buon sangue non mente. A volte tuttavia il confronto è pesante, soprattutto per i figli di “mostri sacri”: Gianmarco Tognazzi, Rosanna Banfi, Amanda San- drelli, Violante Placido, Brando De Sica, Marco Morandi, Cristiano e Luvi De André, Giacomo Celentano, tanto per citarne alcuni, stanno realizzando belle carriere, senza però riuscire a eguagliare il successo dei genitori. Della serie: «Anche il dna può tradire».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.