Bambini con fegato grasso più a rischio cirrosi,uno studio lancia l’allarme

0

I bambini che presentano un fegato grasso purtroppo sono più a rischio cirrosi epatica. E’ questo il risultato di uno studio internazionale guidato dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma che ha praticamente svelato le nuove correlazioni tra la quantità di grasso nel fegato ed il rischio di ammalarsi. Purtroppo al giorno d’oggi i bambini in sovrappeso sono sempre di più e soprattutto sono sempre in aumento e questo comporta un conseguente aumento dei casi di fegato grasso o steatosi epatica non alcolica.

La steatosi epatica, per chi non lo sapesse altro non è che un eccessivo accumulo di grasso nelle cellule epatiche, condizione che può sviluppare purtroppo delle serie complicanze.

Questo studio ha messo in evidenza come il 15% dei bambini è affetto da questa patologia e su una ricerca effettuata su 430 bambini è emerso che l’infiammazione è fondamentale per identificare i bambini a rischio di dislipidemia, obesità, sindrome metabolica e fibrosi epatica.I bambini affetti da steatosi epatica non alcolica possono presentare dei danni metabolici caratterizzati da un aumento della circonferenza addominale, ipertensione, insulino-resistenza,ipercolesterolemia.

A tal riguardo Valerio Nobili, responsabile di malattie epato-metaboliche del Bambino Gesù ha dichiarato:“Il dato innovativo che emerge dal nostro studio e’ che la presenza di infiammazione nel tessuto epatico correla con un peggiore quadro ‘metabolico’ e ‘fibrotico’ del fegato. Pertanto la precoce identificazione dei bambini con questo quadro clinico, resa possibile sia dalla biopsia epatica ma anche da marcatori sierici non invasivi recentemente validati nei nostri laboratori, ci permettera’ di iniziare quanto prima una terapia mirata ad ottenere l’arresto della progressione del danno epatico e, se precocemente iniziata, la guarigione completa del fegato“.

Rispondi o Commenta