Beppe Grillo su Twitter accosta i topi e la spazzatura di Roma ai clandestini, è polemica

Brutto scivolone per Beppe Grillo che nella giornata di ieri ha postato un tweet nel quale ha scritto: “Elezioni per Roma il prima possibile. Prima che la città venga sommersa da topi, dalla spazzatura e dai clandestini #marinodimettiti”.

Praticamente il leader del Movimento Cinque Stelle sembra aver messo sullo stesso piano topi, spazzatura ed anche clandestini, peccato che questa scelta non sia stata condivisa ma addirittura criticata da tanti che l’hanno ritenuta xenofoba.

Dopo qualche ora, il tweet è misteriosamente scomparso ed il post sul suo blog è stato modificato dallo stesso Grillo dopo l’ondata di polemiche in rete. “#MarinoDimettititi prima che Roma venga sommersa dai topi, dalla spazzatura e dai campi dei clandestini gestiti dalla mafia”, questo il testo modificato ed ancora presente sul blog dello stesso Grillo. “Cambiato versione vero? Il danno è fatto caro ufficio stampa M5S”, ha commentato un utente ed ancora “Tana pe Grillo che ha cambiato versione del precedente tweet!!!! Non ce provà!!!”, ha commentato un altro.Ed ancora «Caro Grillo dovresti sapere che Internet non dimentica. Sei un fascio anche se cancelli queste tue perle»,ha commentato un altro utente del web.

Anche la Presidente della Camera,Laura Boldrini ha commentato le parole di Grillo, dichiarando:”Accostare topi, spazzatura ed esseri umani non è politica, ma disprezzo. La democrazia si basa sul rispetto delle persone e delle differenze”. Ed ancora Beppe Grillo riserva delle parole non proprio di simpatia nei confronti di Ignazio Marino,ovvero il sindaco di Roma ed a tal riguardo dichiara: “Roma è governata da uno zombie: “Ignaro” Marino è un morto che cammina. La capitale deve essere liberata tramite il voto popolare. Non si può aspettare il 2016, bisogna andare a elezioni il prima possibile”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.