Bergamo, uomo che uccise un ladro scarcerato: ‘Regalo di Natale in anticipo’ per Antonio Monella

0

Condannato a sei anni e due mesi di carcere per il reato di omicidio volontario. ed in particolare per aver ucciso un ladro nel 2006, l’imprenditore Antonio Monella è tornato a casa nel Comune di Arzago d’Adda, in provincia di Bergamo. Ad attenderlo festosi c’erano i residenti con tanto di striscioni con scritto ‘Bentornato‘ esposti per le vie del paese.

‘Ora sono sereno. E’ un regalo di Natale arrivato in anticipo‘, ha intanto dichiarato l’imprenditore ai cronisti per una scarcerazione che è stata resa possibile in virtù della grazia parziale concessa dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dopo che l’imprenditore era stato condannato invia definitiva per un reato, quello dell’eccesso di legittima difesa, che in Italia è sempre più al centro del dibattito politico.

E se in Paese ad aspettarlo c’erano amici e parenti, all’uscita dal carcere c’erano i familiari più stretti, e tra questi la moglie Egle e i figli Alberto e Angelica in accordo con quanto è stato riportato da IlFattoQuotidiano.it. ‘Finalmente torniamo a sorridere’, ha dichiarato la moglie di Antonio Monella che ora sarà affidato in prova ai servizi sociali, ma che potrà tornare ad occuparsi della sua ditta. All’uscita dal carcere, in accordo con quanto riportato dal sito Internet del TgCom24, c’era pure Giacomo Stucchi, il presidente del Copasir che ha seguito il caso.

Antonio Monella, che è apparso visibilmente commosso, ha inoltre ringraziato ‘il personale della polizia penitenziaria per come sono stato trattato, sono stati tutti gentili con me’, aggiungendo che ‘ora, finalmente, mi aspetta un po’ di serenità‘.

Rispondi o Commenta