Big Bang, Cern Ginevra ad un passo con record di energia nelle collisioni fra ioni piombo

Grazie al record ottenuto per quel che riguarda l’energia prodotta nelle collisioni fra ioni piombo, a Ginevra il Cern sembra essere ad un passo dal Big Bang, ovverosia dallo studio e dall’esplorazione della materia allo stato primordiale, in una fase molto vicina a quando l’universo si stava formando.

La sperimentazione sta avvenendo, ad un passo dal Big Bang, con il superacceleratore LHC che è stato riacceso nello scorso mese di giugno, e dove sono iniziate le prime collisioni di protoni con un’energia record di 13.000 miliardi di elettronvolt. Ora però saranno fatti scontrare nell’anello ioni pesanti, ed in particolare gli ioni di piombo che, composti da 82 protoni e da 126 neutroni, e sparati ad una velocità pari quasi a quella della luce, permetteranno di ‘esplorare la materia a uno stadio molto precoce del nostro universo’ in accordo con quanto dichiarato da Rolf Heuer che è il direttore generale del Cern di Ginevra.

Per fotografare le collisioni tra ioni ci sono delle speciali macchine fotografiche che sono tanto sofisticate e tecnologicamente avanzate, quanto grandi come delle vere e proprie cattedrali. ‘Le collisioni di nuclei all’energia dell’LHC ci permetteranno di ricreare, per un tempo infinitesimale, un sistema in condizioni analoghe a quelle presenti nei primi milionesimi di secondo di vita dell’universo‘, ha dichiarato Federico Antinori della sezione INFN di Padova che è il Physics Coordinator dell’esperimento ALICE che sta per ‘A Large Ion Collider Experiment‘.  ‘Stiamo raccogliendo dati di ottima qualità, a un’energia di collisione mai ottenuta prima’, ha aggiunto Federico Antinori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.