Blitz anti-terrorismo tra Italia e Kosovo, arrestate quattro persone che sul web scrivevano “Questo sarà l’ultimo Papa”

0

Continua la lotta al terrorismo nel nostro paese, e proprio nella giornata di ieri le forze dell’ordine hanno portato avanti un’operazione di polizia denominata “Van Damme”, che ha portato all’arresto di ben quattro cittadini marocchini di Bologna sospettati di avere stretti legami con l’Isis.I quattro fermati sono ritenuti responsabili di reati di apologia del terrorismo e istigazione all’odio razziale.

Dei quattro, due sono stati espulsi,uno con provvedimento adottato dal Ministro dell’Interno per motivi di terrorismo internazionale, l’altro con decreto del Questore di Brescia; un terzo fermato invece è stato sottoposto a sorveglianza speciale per terrorismo ed infine il quarto, considerato la mente della cellula è stato arrestato mentre si trovava in Kosovo.

Secondo quanto emerso i quattro avevano pubblicato sul web una serie di foto in cui i soggetti erano ritratti con le armi in pugno. L’aspetto più grave e che sicuramente ha lasciato tutti senza parole è stato il fatto che nei loro cellulari o meglio nelle loro chat erano presenti evidenti minacce nei confronti del Papa; gli investigatori nello specifico hanno trovato frasi come “questo sarà l’ultimo Papa”.Adesso tutto il materiale è nelle mani degli investigatori, che stanno esaminando il tutto, richiesta avanzata direttamente dal procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti.

«Sradicata cellula jihadista. Un’altra importante operazione dell’antiterrorismo della Polizia ha sradicato una cellula jihadista che operava tra l’Italia e i Balcani e che usava principalmente la rete per diffondere messaggi di violenza attraverso l’apologia del terrorismo e l’istigazione all’odio razziale. Per la prima volta è stata inoltre applicata la misura della sorveglianza speciale, prevista dal pacchetto antiterrorismo che ho fortemente voluto, nei confronti dei presunti responsabili di questa cellula. E’ la conferma che il nostro sistema di prevenzione e di sicurezza sta funzionando», ha dichiarato il Ministro Angelino Alfano.

Rispondi o Commenta