Bollette più trasparenti e con maggior frequenza

0

Grazie alle proposte dell’Autorità per l’Energia, avremo dei benefici: nuovi obblighi di lettura, le bollette saranno basate sul consumo effettivo, grazie anche agli incentivi  per gli utenti grazie all’utilizzo dell’autolettura. Sarà maggiore la frequenza di invio delle bollette, sono previsti indennizzi automatici per ritardi e soprattutto c’è il divieto di fatture cosiddette miste, cioè fatturate sulla baste di stime e letture fatte se scegliamo la fatturazione mensile. Cosa molto sentita è senza dubbio il bisogno di tempi brevi e certi per le bollette di chiusura nel caso di cambio fornitore, volture o disattivazione.

Naturalmente sono queste le principali proposte che dovrebbero risolvere i principali problemi in ambito di fatturazione e sono presenti nel Documento per la consultazione ”Fatturazione nel mercato retail” cioè i piccoli clienti anche se clienti del mercato libero.

L’Autorità propone di aumentare il numero di bollette annuali, con la possibilità per il cliente di decidere la periodicità della fatturazione. Si propone anche per quanto riguarda le letture dei contatori non telegestiti, di portare l’obbligo minimo di rilevazione dei dati a quadrimestrale.

Le maggiori criticità si registrano in aso di cambio fornitore, voltura e disattivazione, dell’attesa delle fatture di chiusura del rapporto contrattuale diqualsiasi tipo di utenza. Spesso i tempi sono molto lunghi ben più delle 6 settimane dalla chiusura previste dalla normativa. Si chiede quindi che  la loro emissione avvenga al più tardi 8 giorni prima dallo scadere delle stesse 6 settimane, riducendo questo tempo solo in caso di consegna della bolletta per via telematica. Nel caso di ritardi saranno quindi indennizzi automatici a favore del consumatore. Avremo delle migliorie nel servizio? staremo a vedere, speriamo che queste misure portino a bollette più chiare e corrette.

Rispondi o Commenta