Breakfast dating, l’amore si conosce a colazione, e solo in 5 minuti

E se vi dicessimo che da oggi l’anima gemella si sceglie a colazione? La novità arriva direttamente dagli Stati Uniti, dove si sta diffondendo nelle ultime settimane, un fenomeno che prende il nome di Breakfast dating, e che sta al momento riscuotendo molto successo come il predecessore, ovvero lo speed date. In effetti il breakfast dating, funzione come lo spreed date, ovvero avviene come un breve incontro, della durata di circa 5 minuti per dare inizio ad una conoscenza, ad essere diversa, come ben comprensibile è l’ora, visto che come suggerisce il mome, il tutto avviene di mattina.

Il gioco, permette di instaurare nuove relazioni personali, dalle quali possono poi nascere amicizie o relazioni, direttamente a colazione, permettendo in questo modo una comunicazione più intima e piva preconcetti.Breakfast dating, è un’idea di Julie Krafnick la quale ha dichiarato:“Esistono innumerevoli siti di incontri e social network, ma non c’è un modo di riconnettere nuovamente le persone nella vita reale.Vogliamo creare l’opportunità d’incontro per le persone ed effettuare connessioni più significative”.

“Vogliamo creare l’opportunità d’incontro per le persone ed effettuare connessioni più significative”, aggiungono gli sviluppatori di questo fenomeno.Il successo di questa nuova tendenza è tale, che numerose sono le iniziative anche in Francia, Scozia e Italia. In Italia, a promuovere l’interessante metodo per creare rapporti d’amicizia o amorosi sono stati Nescafé e il noto portale online ScuolaZoo. In Europa, il breakfast dating è già sorto a Edimburgo, il “Sunday Brunch Club” e in Francia “Les Petits Déjeuners Networking” in Francia.

Anche in America precisamente a San Francisco è nato “500 Brunches”, è stato sviluppato da un’idea di Julie Krafchick, una piattaforma virtuale dove si organizzano incontri di mattina durante i quali è possibile incontrare persone con interessi simili. La fondatrice ha dichiarato: “Esistono innumerevoli siti di incontri e social network, ma non c’è un luogo fisico dove incontrare le persone in generale. Ciò che volevo era trovare un modo di riconnettere nuovamente le persone nella vita reale. Vogliamo creare l’opportunità d’incontro per le persone ed effettuare connessioni più significative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.