Buona Scuola,lotta contro il tempo ma il Premier tenta le 100mila assunzioni

Si torna a parlare del decreto sulla Buona Scuola e giusto nella giornata di ieri il Premier Matteo Renzi ha riunito a Palazzo Chigi tutti gli esponenti del Pd che si occupano dalla riforma della scuola. Presenti alla conferenza, dunque, Stefania Giannini, il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, il Sottosegretario Davide Faraone, i Capigruppo Ettore Rosato e Luigi Zanda, la responsabile Scuola Francesca Puglisi relatrice sul Ddl a Palazzo Madama, il presidente della commissione Istruzioni del Senato Andrea Marcucci e tutti i componenti delle commissioni Cultura di Camera e Senato.

Sembra essere una corsa contro il tempo, ma il Premier Matteo Renzi ha deciso di volerci provare a garantire fin da settembre le oltre 100 mila assunzioni previste dalla riforma della scuola e per poter fare questo si cerca di accelerare i tempi in Senato.Purtroppo questa decisione non è stata condivida dai sindacati che hanno dichiarato:

“E’ una gigantesca presa in giro insopportabile”.Proprio nel corso della conferenza di ieri Ettore Rosato ha dichiarato:“C’è l’intenzione di approvare il provvedimento sulla scuola nei tempi più rapidi possibili ma chiediamo allo stesso tempo alle opposizioni di collaborare perché con 3mila emendamenti non si può approvare la riforma, non si possono fare le assunzioni, e se si continua così è solo un modo per rallentare i tempi. Ci sarà un lavoro di miglioramento del testo al Senato, per fare tutto nel miglior modo possibile, anche chiedendo la collaborazione dell’opposizione perché sulle assunzioni c’è un interesse comune”.

Intervenuta anche Debora Serracchiani la quale ha dichiarato: “Un atteggiamento, a fronte di 100 mila assunzioni, che lascia sbigottiti”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.