Caffè in gravidanza, bevuto con moderazione non danneggia l’intelligenza del bambino

E chi l’ha detto che il caffè in gravidanza è pericoloso per il nascituro? Quante volte è stato consigliato alle donne incinte di evitare assolutamente di consumare caffè nei nove mesi della gravidanza? Stando ad uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Epidemiology, e condotto da Sarah A.Keim e Mark A.Klebanoff, ricercatori del Research Institute ai Nationwide Children’s Hospital di Columbus, in gravidanza è possibile bere fino a due tazzine di caffè al giorno senza per questo correre il rischio di nuocere alla salute del bambino.

Il caffè dunque è consentito in gravidanza, ma pur sempre con moderazione. I ricercatori nello specifico hanno esaminato le informazioni relative ad oltre duemila donne in gravidanza che hanno preso parte al Collaborative Perinatal Project, ovvero un progetto che si è svolto negli Stati Uniti tra il 1959 e il 1974. i. “Nel complesso, consideriamo i nostri risultati rassicuranti per le donne in gravidanza che consumano moderate quantità di caffeina o l’equivalente di 1 o 2 tazzine di caffè al giorno“,dichiara la dottoressa Sarah Keim, ovvero la coatrice dello studio.

Nello specifico gli autori hanno esaminato gli effetti della paraxantina, ovvero la sostanza prodotta durante il metabolismo della caffeina, e conosciuta per la sua capacità di stimolare il sistema nervoso centrale. I risultati sarebbero stati messi in rapporto al quoziente intellettivo dei bambini a quattro e sette anni di età, arrivando alla conclusione che non c’erano legami consistenti tra l’ingestione di caffeina in utero e lo sviluppo e il comportamento dei bambini a quel punto della loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.