Cannabis, presto in Piemonte si potrà usare per uso medico

E’arrivato il si definitivo per l’utilizzo della cannabis per uso medico in Piemonte. Il si definitivo è arrivato in seguito alla discussione avvenuta sul decreto ministeriale in materia, sul quale la conferenza dei presidenti delle Regioni si è espressa positivamente la scorsa settimana e che adesso è in fase di definita emanazione. La notizia è stata diffusa nella giornata di ieri direttamente dall’Assessore alla Sanità, Antonio Saitta, che con l’occasione ha condiviso i principi sui quali il suo assessorato sta lavorando ormai da un paio di mesi.

“Il decreto ministeriale, sulla base delle evidenze scientifiche fino ad ora prodotte e che dovranno essere aggiornate periodicamente, stabilisce che l’uso medico della cannabis può essere considerato un trattamento sintomatico di supporto ai trattamenti standard. Cioè quando i trattamenti consueti non hanno prodotto gli effetti desiderati, è possibile passare all’impiego ad uso medico della cannabis e solo per alcune precise patologie gravi”, ha dichiarato l’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta.

Lo stesso, ha precisato che la delibera che darà attuazione alla legge regionale approvata lo scorso mese di giugno in Piemonte, prevederà che la somministrazione dei cannabinoidi per finalità terapeutiche potrà avvenire in ambito ospedaliero o domiciliare, e che la prestazione deve essere effettuata da medici specialisti presso le strutture ospedaliere ma anche dal medico di medicina generale.“Il Servizio sanitario regionale assumerà a proprio carico la spesa relativa all’erogazione dei cannabinoidi per le condizioni patologiche individuate e solo quando il trattamento sia ritenuto dal medico indispensabile” ha aggiunto l’assessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.