Castelvecchio:furto record al Museo, rubati 17 dipinti per un valore di 15 milioni

Un clamoroso furto si è consumato nella giornata di giovedì al Museo di Castelvecchio di Verona. Stando a quanto emerso sarebbero stati rubati ben 17 dipinti da parte di una banda di professionisti; in realtà sarebbero stati in tre a commettere il furto, probabilmente su commissione.”Madonna col bambino, detta madonna della quaglia” di Antonio Pisano detto Pisanello; «San Girolamo penitente» di Jacopo Bellini;

«Sacra famiglia con una santa» di Andrea Mantegna; «Ritratto di giovane con disegno infantile» e «Ritratto di giovane benedettino» di Giovanni Francesco Caroto; «Madonna allattante», «Trasporto dell’arca dell’alleanza», «Banchetto di Baltassar», «Sansone» e «Giudizio di Salomone» di Jacopo Tintoretto; «Ritratto maschile» della cerchia di Jacopo Tintoretto; «Ritratto di ammiraglio veneziano» di Domenico Tintoretto; «Ritratto di ammiraglio veneziano» della Bottega di Domenico Tintoretto; «Dama delle licnidi» di Peter Paul Rubens; «Paesaggio» e «Porto di mare» di Hans de Jode e «Ritratto di Girolamo Pompei» di Giovanni, sono queste le opere rubate al Museo di Castelvecchio di Verona.

Sul posto sono intervenuti immediatamente gli uomini della Polizia Scientifica, ed il sindaco Flavio Tosi ed ancora la direttrice del Musei civici, Paolo Marini che al momento del furto si trovava al Ristorante 12 Apostoli.

Stando a quanto riferito dal Sindaco di Verona, Flavio Tosi, a compiere la rapina sono stati dei professionisti, che sapevano cosa prendere e che conoscevano il Museo.“Si tratta di 11 capolavori e quattro opere minori; sicuramente qualcuno li ha mandati, perchè si sono mossi con abilità, andando a colpo sicuro.Tra i dipinti rubati, ci sono capolavori di Mantegna, Rubend, Pisanello, praticamente le opere più preziose esposte”, ha dichiarato il sindaco di Verona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.