Ragazzo 18enne ucciso a coltellate da coentaneo

Catanzaro, un ragazzo 18enne ha perso la vita dopo aver ricevuto una coltellata alla gola inflitta da un suo coetaneo. Secondo le prime indiscrezioni, i due si trovavano nei pressi di alcuni giardini molto frequentati da giovani ragazzi, come punto di ritrovo, ma, anche come zona di spaccio situati nella zona di San Lorenzo.

Infatti, le forze dell’ordine hanno subito pensato che si trattasse di una questione di droga, forse un mancato pagamento di alcune dosi. La lite, tra la giovane vittima, Marco Gentile ed il suo assassino, il quale ancora non è stata diffusa nessuna generalità, si è conclusa con una coltellata alla gola che ha causato una forte emorragia al 18enne, che, nonostante tutto, a cercato di chiedere aiuto ad alcune persone che si trovavano nei pressi dei giardini.

Immediato l’intervento dei sanitari, che, arrivati sul posto, hanno cercato di tamponare la grave ferita alla gola, e poi di corsa all’ospedale più vicino, arrivati al nosocomio, il ragazzo è stato registrato con codice rosso e subito trasportato in sala rianimazione, dove gli è stata effettuata una trasfusione di sangue, purtroppo nonostante l’intervento tempestivo dei soccorsi, e dopo una grande quantità di trasfusioni, il ragazzo è morto dopo poche ore.

Le forze dell’ordine sono riusciti ad avere 4 testimonianze che hanno dato una svolta alle indagini. Anche alcune telecamere situate nei giardini sono state esaminate, infatti si pensa, che una di loro possano aver filmato l’attimo dell’omicidio

Bloccato l’aggressore – Il presunto assassino, è un giovane ragazzo di poco più grande della vittima. E’ stato rintracciato nelle campagne di Catanzaro. Sul movente dell’omicidio gli inquirenti stanno valutando tutte le ipotesi e non escludono che la lite sia scaturita per futili motivi.

Gli inquirenti hanno effettuato molte perquisizioni sia a casa dell’assassino, e sia a casa di conoscenti con l’intento di recuperare l’arma del delitto. Il movente si pensa possa essere per motivi legata alla droga, ma non si escludono altre piste alternative.

One comment

  1. Ora,non so se la madre di questo povero ragazzo leggerà questo commento…ma ci tengo a dire una cosa…
    Nonostante io abbia 14 anni comprendo il suo dolore,anche se non conoscevo suo figlio mi sento veramente amareggiato da una morte così priva di significato.Non ho alcun timore di dire che questa gente non ha il diritto di vivere in una società.Ma le persone che odio ancor di più sono i giudici che la maggior parte delle volte non danno fare i loro lavoro.Adesso io mi chiedo una cosa:perché un ragazzo di 14 anni come me riesce a capire la situazione di questo paese dove i criminali continuano ad ammazzare senza essere puniti e dei giudici,che l’unica cosa che sanno fare sono incassare le mazzette,no?Io ora mi rivolgo a tutti quelli che leggeranno questo messaggio…perché dobbiamo sotto metterci a loro?Non dovremmo essere noi l’Italia?Non dovremmo essere noi il popolo libero dagli sfruttamenti che i “signori”politici praticano verso di noi?Perchè un ragazzo così giovane deve morire a causa di una bestia come il suo compare che,come sappiamo tutti,rimarrà impunito?
    Detto questo non posso far altro che dire le mie più sentite condoglianze ai genitori di questo povero ragazzo e che se vogliamo che qualcosa cambi nella nostra terra Italiana dobbiamo combattere tutti insieme per lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.