Charleston: strage in una chiesa metodista, morti 9 fedeli

0

Una tragedia è avvenuta a Charleston nella Carolina del Sud, Usa e nello specifico nella Emanuel African Methodist Episcopal Church, intorno alle ore 21 ora locale, e circa le 3 di notte in Italia dove un killer è entrato all’interno di una Chiesa metodista che si trova proprio al centro di Charleston aprendo il fuoco ed uccidendo molte persone.

Stando a quanto emerso, sembra che il killer abbia trascorso circa un’ora con i fedeli che pregavano prima e poi improvvisamente ha estratto l’arma aprendo il fuoco.

Il killer, è stato poco dopo identificato e si tratta di Dylann Roof, un 21enne bianco, arrestato dalla polizia locale, grazie alla collaborazione dell’Fbi che si trova sul posto. Dal racconto dello zio di Dylann Roof, il giovane aveva ricevuto in regalo la pista calibro 45 proprio dal padre per il suo 21esimo compleanno.Purtroppo non si tratta della prima volta in cui il giovane si caccia nei guai, visto che da documenti giudiziari è emerso che proprio quest’anno il giovane era stato arrestato ed accusato per reati legati alla droga e per sconfinamento.

«Violentate le nostre donne e volete prendere le nostre case. Andate via», queste le parole pronunciate da Dylann prima di aprire il fuoco sui fedeli. Il bilancio della sparatoria purtroppo è parecchio grave visto che sono rimaste uccise ben nove persone, tra cui anche il senatore democratico eletto nella Carolina del Sud ovvero Clementa Pinckney.  “Ogni sparatoria che lascia dietro di sé diverse vittime è sempre una tragedia ma in questo caso c’è qualcosa che ci fa soffrire particolarmente, perché la morte si è verificata in un luogo sacro dove di solito cerchiamo sollievo, conforto e pace”, ha dichiarato Obama.  

Rispondi o Commenta