Chiesa la rivoluzione arriva con il sinodo, apertura ai divorziati e gay

Grazie all’arrivo del sinodo sulla famiglia in Autunno, si intravedono tante novità all’orizzonte e così dopo tanti mesi di discussioni e consultazioni, proprio nelle scorse ore è stato prodotto il documento introduttivo del prossimo Sinodo ordinario, ovvero l’Instrumentum Laboris, che guiderà i vescovi radunati in Vaticano nel dibattito riguardo i temi della famiglia e delle relazioni affettive. Particolare attenzione è posta sulla famiglia; 

“Curare le famiglie ferite: separati, divorziati non risposati, divorziati risposati e famiglie monoparentali”, sarebbe questo il filo conduttore del documento.

Abbiamo parlato di tante novità in arrivo come ad esempio quelle riservati ai divorziati risposati civilmente che si trovano in condizione di convivenza irreversibile” per i quali esiste “un comune accordo sull’ipotesi di un itinerario di riconciliazione o via penitenziale, sotto l’autorità del vescovo”.E poi ancora, previsto un maggiore coinvolgimento della donna nella Chiesa, anche per tematiche riguardo l’aborto e tanto altro ancora.

” Per le famiglie in cui vivono persone con tendenza omosessuale e per le famiglie di persone con tendenza omosessuale, sarebbe auspicabile che i progetti pastorali diocesani riservassero una speciale attenzione al loro accompagnamento”, questo quanto si legge nel testo. “C’è comune accordo nel prendere atto degli avvenuti cambiamenti antropologici e sociali. Si fa menzione della cura pastorale di coloro che vivono nel matrimonio civile o in convivenze. In tale prospettiva si parla dello snellimento delle procedure nei casi di nullità matrimoniale. Per elaborare un progetto concreto al riguardo, Papa Francesco già l’anno scorso ha stabilito una commissione speciale”,ha dichiarato nello specifco il Cardinale Pèter Erdo.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.