Cronaca Napoli, rapina al supermercato nel sangue: ucciso cliente davanti alla figlia

0

Anatolij Korov, un cittadino di 38 anni di nazionalità ucraina, è morto davanti alla figlia dopo essere stato ucciso a Castello di Cisterna, in Provincia di Napoli, nel tentativo di difendere durante una rapina la cassiera di un supermercato.

Poco prima della chiusura del supermercato, infatti, due malviventi sono arrivati in moto e sono entrati per mettere a segno una rapina con uno due che immediatamente si è recato alla cassa chiedendo con fare minaccioso alla cassiera di consegnare l’incasso della giornata.

A questo punto Anatolij Korov ha tentato di afferrare e di bloccare il rapinatore che stava minacciando la cassiera quando l’altro malvivente, accortosi della mossa del cittadino ucraino, durante la colluttazione con alcuni colpi di pistola lo ha freddato proprio sotto gli occhi della figlia più piccola che il cittadino ucraino aveva allontanato insieme al carrello della spesa.

Anatolij Korov che a quell’ora con la più piccola di tre figli era entrato per fare la spesa, viveva proprio in Provincia di Napoli, a Castello di Cisterna. Fatali sono stati per lui i colpi di pistola esplosi da uno dei due rapinatori alla gamba ed al petto.

Sul posto sono poi intervenuti subito i Carabinieri ma per Anatolij Korov, che viveva a poche centinaia di metri dal supermercato, non c’era più niente da fare in quanto gli spari lo avevano ucciso sul colpo come tra l’altro rilevato dal personale del punto vendita subito accorsi dopo l’esplosione dei colpi di arma da fuoco, e dopo che i due rapinatori nel frattempo avevano fatto perdere le loro tracce.

Rispondi o Commenta