Cure contro l’Aids efficaci al 90%, ma solo 50% pazienti con Hiv ne beneficia completamente

Rispetto al passato l’Aids non fa paura, non è infatti più quel virus che, come credevano i più pessimisti, avrebbe decimato il genere umano. L’efficacia delle cure contro l’Aids infatti oramai arriva a toccare pure la percentuale del 90%, ma in Italia, ed in generale nel resto dei Paesi occidentali, solo la metà dei pazienti riesce a beneficiare completamente dell’efficacia dei trattamenti.

Insomma, c’è ancora molto da lavorare visto che le terapie sono sempre più efficaci e visto che, invece, ci si scontra con il fatto che, su circa 40 milioni di persone nel mondo con l’Hiv, solo 15 milioni riescono ad avere accesso alle terapie antiretrovirali. Inoltre, solo in un caso su quattro l’adesione alle cure contro l’Aids da parte del paziente risulta essere corretta.

In tre casi su quattro, invece, l’accesso alle cure non corretto alimenta il rischio di diffusione dell’Aids. Trattasi, nello specifico, di pazienti di cui si perdono le tracce mentre la terapia contro l’Aids è in corso, ma anche di persone che non si presentano ai centri di cura o che neanche sanno di avere il virus.

In media ogni anno si registrano in Italia circa 400 nuovi casi di infezioni a fronte di circa 60 mila persone che hanno l’Hiv ma che non hanno una viremia controllata. Con la conseguenza che non solo ad aumentare è il rischio di contagio, ma spesso si registra pure un grave ritardo a livello diagnostico che porta a scoprire l’infezione solo quanto questa risulta essere già in una fase molto avanzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.