Decreto sulla Buona Scuola bocciato dal Senato, tradito da Ncd ed Udc

Nella giornata di ieri il decreto sulla “Buona Scuola”, passato al Senato dove ha ottenuto purtroppo uno stop , anche se su un parere di costituzionalità orale e non vincolante.

Inevitabilmente, dopo essere arrivato lo stop, il Governo è immediatamente andato sotto, anche se la situazione non ha per nulla fatto preoccupare il Premier Matteo Renzi. A quanto pare avrebbe pesato particolarmente l’assenza di Salvatore Torrisi, Andrea Augello e Gaetano Quagliarello, tutti appartenenti al Ncd.

«Da un punto di vista costituzionale la riforma della buona scuola è scritta male pertanto fermiamoci e riscriviamola meglio», ha dichiarato Mario Mauro. Ed ancora Loredana De Petris,presidente del gruppo Misto-Sel al Senato, nella giornata di ieri ha anche aggiunto:«Nella commissione Affari Costituzionali del Senato la maggioranza è stata battuta sulla riforma della scuola. A maggioranza, la commissione ha dato parere negativo». Dopo l’arresto che ha di fatto sorpreso il Pd, il Premier ha dato indicazione ai suoi emissari al governo e in Parlamento di riaprire al confronto per cercare di accogliere gli emendamenti della minoranza che possano in un certo senso migliorare la legge. Inoltre, il Pd si è mostrato compatto in commissione Affari Istituzionali sul parere di costituzionalità.

Proprio a tal riguardo il Premier Matteo Renzi, che non da alcun tipo di peso all’incidente in I commissione ha dichiarato:“Confrontiamoci ma la riforma la portiamo a casa”. Queste le parole ripetute dal Premier ai suoi, soddisfatto comunque del segnale che il Pd nella giornata di ieri ha inviato, ovvero una bella prova di unità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.