Donna irrompe nel Tribunale di Lodi armata di coltello, il metal detector non lo segnala

0

A poche settimane di distanza dalla tragedia avvenuta al Palazzo di Giustizia di Milano nella quale, ricordiamo, morirono 4 persone, ecco che nella giornata di ieri è avvenuto un qualcosa di molto simile, ma per fortuna la tragedia è stata soltanto sfiorata.

Nello specifico, nella giornata di ieri una donna 40enne originaria di Napoli, è riuscita ad introdursi all’interno del Palazzo di Giustizia di Lodi armata di coltello, passando indenne i controlli di sicurezza e nello specifico il metal detector che non ha segnalato l’arma. Così la donna, è riuscita in un primo momento ad aggredire la segretaria di un pm, per poi passare all’aggressione del giudice appunto, ma per fortuna gli agenti di polizia sono riusciti a bloccare la donna prima che toccasse l’arma ed aggredisse il pm.

La donna si era recata in Tribunale intorno alle ore 8.30 di mattina e da quanto emerso le guardie giurate all’ingresso non l’hanno fermata e così ha passato il controllo del metal detector, che tra l’altro è obbligatorio per chi non è munito di tesserino professionale; sembra che il coltello che la donna portava con se all’interno della sua borsetta sia passato inosservato, in quanto lo scanner di tipo aeroportuale per valigie e borse è purtroppo fuori uso ormai da parecchi mesi.

La donna, da quanto emerso, aveva chiesto di parlare con il magistrato, ma la risposta è stata negativa perchè non aveva alcun appuntamento e questo ha aumentato l’ira della donna che ha praticamente messo le mani al collo della dipendente del Tribunale, buttandola per terra e poi grazie all‘intervento dei carabinieri e del marito della segretaria che lavora tra l’altro anche in Tribunale come ufficiale giudiziario, la donna è stata fermata.La vittima dell’aggressione è stata immediatamente trasportata all‘ospedale di Lodi con alcune contusioni ed in evidente stato di shock, ma dopo circa un’ora e mezza è stata dimessa. La donna invece è stata portata nella camera di sicurezza del Tribunale ed adesso è stata accusata di diffamazione e di aggressione. 

Rispondi o Commenta