Donna uccisa dai terroristi a Parigi, il marito scrive “Non avrete mai il mio odio”

Sta facendo il giro del mondo, nelle ultime ore, la lettera scritta da Antoine Leiris, un uomo che lo scorso venerdì 13 novembre 2015, a Parigi, ha perso la moglie rimasta vittima dei terribili attentati terroristici. L’uomo, affranto per la perdita della moglie ha deciso di scrivere una lettera rivolta proprio a coloro che venerdì sera hanno distrutto la vita di sua moglie e dell’intera famiglia, una lettera molto commuovente pubblicata attraverso il proprio account Facebook e che adesso, come sopra anticipato, sta facendo il giro del mondo.

Antoine Leiris ha cominciato la lettera scrivendo “Venerdì sera avete rubato la vita di un essere eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, ma non avrete il mio odio. Non so chi voi siate e non lo voglio sapere, siete delle anime morte. Se questo Dio per il quale uccidete ciecamente ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore”.

L’uomo ha continuato rivolgendosi proprio ai terroristi e affermando che non avranno il suo odio perché rispondere all’odio con l’odio significherebbe proprio cadere nella loro stessa ignoranza e nemmeno guarderà con diffidenza i suoi concittadini. Parlando della moglie l’uomo ha affermato “L’ho vista questa mattina. Finalmente, dopo giorni di attesa. Era bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando mi sono innamorato di lei 12 anni fa. Ovviamente sono devastato per il dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma sarà di breve durata”.

E poi ancora nella lettera rivolta ai terroristi Antoine Leiris parla del suo bambino di appena 17 mesi che continuerà la sua vita come sempre e ogni giorno mangerà la sua pappa, giocherà con il suo papà e sarà libero e felice. L’uomo ha concluso la lettera affermando “non avrete nemmeno il suo odio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.