Dormire con un animale a quattro zampe fa bene al sonno e rende l’uomo più tranquillo e sereno

0

Sapevate che dormire con il proprio animale a quattro zampe può aiutare a dormire meglio? E’ questo il risultato di uno studio condotto dal Center for Sleep Medicine della Mayo Clinic di Scottsdale Arizona e pubblicato sulla rivista Mayo Clinic Proceedings.

Lo studio ha coinvolto circa 150 persone, le quali sono state intervistate dai ricercatori, e circa il 49% di questi ha dichiarato di avere un animale domestico. Circa la metà degli intervistati, ha confessato di dormire con il proprio animale a quattro zampe, mentre il 20% ha dichiarato di essere stato disturbato nel corso della notte proprio dal proprio animale.

I risultati di questo studio sono stati sorprendenti,visto che circa il 41% degli intervistati ha dichiarato di aver avuto dei benefici e di sentirsi sempre più sereno e tranquillo. “Sono molti i proprietari di animali domestici che vedono i loro animali da compagnia come membri della famiglia e che desiderano integrarli il più possibile all’interno della vita famigliare”, affermano gli autori della ricerca. “Visto che noi esseri umani passiamo tanto tempo a dormire, è quasi naturale e comprensibile che il proprietario decida di passare anche il periodo di sonno in compagnia del proprio animale”, “e desiderano integrarli il più possibile in tanti aspetti della loro vita. Sempre più famiglie hanno più di un animale domestico, la sfida è continuare ad assicurarsi una buona qualità del sonno. Il valore di queste esperienze, anche se poco conosciuto, non deve essere sottovalutato perché il sonno dipende da uno stato di rilassamento fisico e mentale”. aggiungono i ricercatori.

Una donna di 64 anni per esempio ha dichiarato di sentirsi molto contenta quando la notte sente il suo cane dormire vicino ai suoi piedi, ed ancora un’altra persona intervistata ha raccontato di sentirsi soddisfatta quando il suo gatto dorme sul petto. Gli esperti, comunque vogliono ancora sottolineare che non va dimenticato che gli questi animali possono anche essere portatori di malattie, soprattutto infezioni, ed il rischio seppur non molto alto esiste.

Rispondi o Commenta