Due morti in montagna a Santo Stefano in Friuli ed in una cascata di ghiaccio in valle d’Aosta

0

Santo Stefano tragico sulle montagne ed in particolare in valle d’Aosta ed in Friuli dove due persone hanno perso la vita. Nel dettaglio, mentre scalava una cascata di ghiaccio a Bionaz, in valle d’Aosta è caduto un alpinista torinese. Si chiamava Fabio Salerno che, trasportato in elicottero dopo l’arrivo degli operatori del 118 e del soccorso alpino valdostano, è morto all’ospedale di Aosta.

Fabio Salerno è caduto sotto la diga di Placemoulin dove si trova la cascata Maîtresse de Chamois. Sono stati i suoi compagni che, dopo averlo visto cadere, hanno subito chiamato i soccorsi, ma l’alpinista è precipitato per diversi metri riportando dei traumi gravissimi.

Un’altra vittima ieri in montagna, come sopra accennato, c’è stata in Friuli ed in particolare al confine con l’Austria dove c’è la maestosa parete rocciosa Creta di Timau. Un escursionista di 63 anni è caduto nei pressi della Creta di Timau, e precisamente nel comune di Paluzza, in provincia di Udine. L’uomo ha perso la vita precipitando per un centinaio di metri dopo essere scivolato in accordo con quanto riferito dai testimoni.

Il corpo dell’uomo, che si trovava sul posto in gita con la moglie e con alcuni amici, è stato poi recuperato dai tecnici del Soccorso Alpino di Forni Avoltri. Presenti nel luogo della sciagura pure i dei Carabinieri di Tolmezzo ed i militari della Guardia di Finanza. Anche in assenza di neve, quindi, in questi ultimi giorni del 2015, le insidie per gli escursionisti non mancano anche perché, specie sui sentieri, c’è il pericolo di presenza di ghiaccio.

Rispondi o Commenta