Esplode aereo sperimentale militare Agusta Westland a Vercelli, due morti carbonizzati

Tragedia nei cieli nella giornata di ieri dopo che nelle campagne del Vercellese è esploso in volo un aereo sperimentale militare che poi è precipitato nella zona tra Santhià ed Alice Castello. Il bilancio è di due morti carbonizzati, in accordo con quanto è stato riferito dal 118.

Il velivolo sperimentale militare era un convertiplano AW 609 della società Agusta Westland con i testimoni oculari dell’incidente che hanno dichiarato come il velivolo fosse in volo vicino alle case, ragion per cui è probabile che l’ultima mossa del pilota sia stata quella di allontanare il velivolo dalle zone abitate.

Il convertiplano AW 609 della Agusta Westland si è infatti schiantato nei campi di mais per cause che sono ancora tutte da accertare e con i testimoni che sull’incidente aereo riferiscono di aver prima sentito un boato, e poi c’è stata una susseguente caduta di rottami. Il convertiplano AW 609 della società Agusta Westland era partito dalla sede della società controllata da Finmeccanica, ovverosia da Vergirate che si trova in provincia di Varese. I testimoni oculari dell’incidente aereo sono stati degli studenti.

Le vittime dell’incidente a bordo del convertiplano AW 609 della Agusta Westland, che è un prototipo, sono il pilota Agusta Westland Pietro Venanzi, 53 anni, e l’ex pilota della Marina americana originario dell’Oregon, ma residente a Varese, Herbert Moran.

Dopo aver appreso dell’accaduto Mauro Moretti, che è l’Amministratore Delegato di Finmeccanica, ha dichiarato che ‘Abbiamo appena saputo che un nostro prototipo in prova è caduto in volo. Questo non ci deve fermare in ricerca e innovazione‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.