Eter9, ecco la piattaforma per chi punta all’immortalità digitale. Il rischio è diventarne prigionieri

0

Chi nasce deve anche morire, nel mondo reale, ma non necessariamente in quello digitale dove, sfruttando l’intelligenza artificiale, si può ‘vivere’ per sempre. Succede con ‘Eter9‘, il social network dove non sarà mai necessario predisporre il proprio testamento digitale.

Sul social Eter9, quando si è in vita, ogni utente invia foto, post e mette i ‘mi piace’ come sempre, e nel frattempo gli algoritmi intelligenti che ci stanno sotto apprendono passo passo le nostre abitudini ed entreranno in gioco nel momento in cui si passerà a miglior vita.

Sarà quindi poi l’intelligenza artificiale a prendere il comando inviando foto, post e mettendo i ‘mi piace’ come se si fosse ancora vivi proprio perché il social nel frattempo avrà ‘assunto’ la nostra stessa personalità. ‘Eter9’ è frutto di un’idea di Henrique Jorge, uno sviluppatore che ha messo a punto la versione beta del social da testare su un ‘campione’ di 5 mila persone, con buona parte di queste che probabilmente è già pronta a ‘vivere per sempre‘.

L’approcco di ‘Eter9‘ è quindi totalmente diverso dal concetto di testamento digitale che prevede che, in caso di morte, un soggetto precedentemente designato abbia accesso agli account online per aggiornarli, per gestirli o per chiuderli in base a quelle che sono state le ‘ultime volontà‘ espresse. Sul social ‘Eter9′, invece, l’attività social continuerebbe come sempre proprio perché vige l’immortalità digitale! Non a caso su Eter9.com ci sta scritto che ‘Even in your absence, the virtual beings will publish, comment and interact with you intelligently‘.

Rispondi o Commenta