Evasione fiscale, Squinzi: ‘La dimensione è assolutamente patologica’, tutti paghino le tasse

Pressione fiscale troppo alta a carico di chi paga le tasse, ed un’evasione fiscale che è altissima e che pesa sul prodotto interno lordo nazionale. E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia scattata dal CsC, il Centro Studi di Confindustria che stima l’evasione 2015 a 122,2 miliardi di euro, ovverosia al 7,5% del Pil.

Giorgio Squinzi, il presidente dell’associazione degli industriali, non a caso parla di un’evasione fiscale che in Italia ha assunto una ‘dimensione assolutamente patologica‘, e come sia necessario che ‘Tutti paghino le tasse’ in quanto solo in questo modo la pressione fiscale può scendere a fronte della creazione di migliaia di posti di lavoro in più. ‘Il peggior concorrente che ho è chi non paga le tasse o evita in tutti i modi di farlo’, ha non a caso sottolineato il Presidente Squinzi.

Basti pensare che attualmente in Italia, stando sempre ai dati forniti dal CSC, oltre la metà del reddito delle famiglie va al fisco. Nel dettaglio, una famiglia italiana tipo nel 2015 con un figlio di età scolare, e con coppia di lavoratori dipendenti con una casa di proprietà, destina il 54,9% del proprio reddito per pagare le imposte dirette ed indirette, e per il pagamento dei contributi sociali.

Anche per questo, giusto per non lasciarsi andare a facili entusiasmi, il Presidente Squinzi non a caso dichiara sull’Italia che ‘continua in una fase di crescita stentata. Migliorano la percezione e l’ottimismo di consumatori e imprese, ma lo scatto netto, bruciante, quello che lascia sul posto il passato e la crisi per agganciare una crescita stabile e robusta, non c’è ancora’.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.