Fabio e Mingo indagati per truffa per un servizio su un finto avvocato

0

Fabio e Mingo sono stati sospesi da Striscia la Notizia riguardo un servizio su un avvocato che svolgeva la professione senza essere iscritto all’ordine degli avvocati. È proprio lo stesso ente, l’ordine degli avvocati a rivolgersi alla procura di Bari , i quali a sua volta aprono un’indagine per chiarire la vicenda, ed è emerso che il servizio fatto dei due inviati di striscia è stata tutta una finzione e quindi vengono denunciati a loro volta per truffa .

“Siamo sconcertati dagli atteggiamenti ostili che stiamo riscontrando attraverso la stampa” hanno voluto precisare Fabio e Mingo.

“Per ben diciannove anni abbiamo collaborato fedelmente dando il massimo della nostra professionalità nel rispetto di ogni indicazione ricevuta, anche se non sempre condivisa. Quando le autorità competenti riterranno utile ascoltarci risponderemo con lealtà e serenità. Siamo i primi – concludono – a voler conoscere le fila di questa assurda vicenda nella quale ci si vuole coinvolgere”.

Il Gabibbo, alcuni giorni fa, durante la puntata di Striscia la Notizia, ha reso noto i motivi ufficiali della loro sospensione.

”Cari spettatori, parliamo di Fabio e Mingo e della loro redazione. Abbiamo acclarato che il caso di qualche tempo fa della maga sudamericana non esiste e anche il caso del falso avvocato era una messa in scena. A noi già questo basta. Seguiranno azioni legali per accertare le responsabilità. Non tutti hanno la nostra sensibilità”. Poi ha aggiunto “Forse i panni sporchi si lavano in famiglia” e rivolgendosi ai telespettatori dice: “Ma voi siete la nostra famiglia”.

Fabio e Mingo da parte loro, hanno voluto contestare Striscia la Notizia: “Ci meravigliamo per il contenuto delle frasi riportate dal Gabibbo nella trasmissione di questa sera, in quanto noi ci siamo sempre prodigati per rendere al meglio la nostra prestazione di attori nell’ambito dei servizi, prodotti esclusivamente nel rispetto delle precise indicazioni ricevute, assecondando, sempre, gli autori del programma nella scelta e nelle modalità di esecuzione dei servizi stessi”.

Rispondi o Commenta