Fiumefreddo: bambino di quattro annega, canoista ritrova il corpo a 100 metri dalla riva

0

Una vera tragedia quella avvenuta nella giornata di ieri nelle acque di Marina di Cottone ovvero la località balneare nel territorio di Fiumefreddo di Sicilia, in provincia di Catania.Purtroppo la tragedia ha una vittima, un bambino di soli 4 anni è annegato nelle acque di Marina di Cottone; il suo corpicino è stato ritrovato dopo circa 100 metri dalla riva, da un canoista che ha subito lanciato l’allarme.

Da quanto emerso, il piccolo era andato insieme alla famiglia composta da padre muratore 34enne, madre casalinga di 30 anni e la sorellina di 10 anni, per una giornata di mare e relax, finita purtroppo in tragedia.Sul posto sono intervenute due ambulanze del 118, i carabinieri, la guardia costiera ed anche l’elisoccorso, ma purtroppo le condizioni del bambino sono apparse subito disperate, ed infatti nonostante si sia cercato di animare il piccolo in tutti i modi, non c’è stato nulla da fare.

Il padre, racconta di essere arrivato sulla spiaggia di Fiumefreddo nel corso della mattinata, insieme alla moglie, al figlio ed alla figlia di 10 anni,ma mentre lo stesso era intento a sistemare l’ombrellone e le sdraio, il piccolo avrebbe chiesto di poter avvicinarsi a riva per riempire il secchiello con l’acqua, peccato che dopo un quarto d’ora il bambino non era ancora ritornato all’ombrellone; a quel punto il padre avrebbe chiamato il 112. Ci si chiede come mai nessuno abbia visto il piccolo in difficoltà, soprattutto perché si tratta di una spiaggia molto affollata.Il corpo del piccolo adesso è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale Garibaldi del capoluogo etneo, e resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

Rispondi o Commenta