Foto bomba Isis in una lattina: ecco come è caduto l’aereo russo in Sinai

Non sembrano esserci oramai più dubbi su chi ha causato lo schianto dell’aereo russo in Sinai. Sul velivolo c’era infatti una bomba piazzata dai terroristi dell’Isis. Questo è quanto emerge, infatti, da una foto che è stata pubblicata sull’ultimo numero di Dabiq che è la rivista online dell’autoproclamato Stato Islamico. La foto sul tipo di ordigno utilizzato è stata tra l’altro diffusa dopo la conferma, da parte di Mosca, che a far cadere l’aereo è stata proprio una bomba.

In particolare, nella foto si vede un ordigno rudimentale realizzato con la lattina di una bibita, così come nella stessa rivista sono state pubblicate le foto dei passaporti di alcuni passeggeri che hanno perso la vita nell’esplosione.

In accordo con quanto riportato da IlFattoQuotidiano.it, i servizi segreti russi, in base alle ricostruzioni effettuate, ritengono che la bomba che è esplosa sull’A321, e che ha causato la morte di 224 persone, sia stata piazzata non nella stiva ma sotto il sedile lato finestrino di un passeggero.

L’ordigno piazzato sull’aereo, sempre secondo quanto reso noto dalle analisi effettuate da russi sui detriti, è esploso con una potenza pari a 1,5 chilogrammi di tritolo, Ma come è ‘entrata’ la bomba a bordo dell’aereo russo? Ebbene, stando alle ultime ipotesi, a piazzare l’ordigno rudimentale potrebbe essere stato uno degli impiegati presso l’aeroporto, ed in particolare una persona che, in ragione della mansione affidata, era autorizzata a salire a bordo come un operaio addetto ai bagagli oppure agli alimenti. Oppure ancora un addetto alle pulizie sulla base di ipotesi che ancora sono comunque tutte da confermare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.