Francesco Totti: “La mia fortuna è aver incontrato Ilary Blasi”

Dieci anni fa le sue nozze da sogno con la bella e spigliata Ilary Blasi hanno incantato l’Italia. E ora la favola continua: il capitano della Roma e la conduttrice di “Le lene” a marzo avranno il loro terzo figlio, dopo Cristian e Chanel. «Il mio matrimonio dura per merito di Ilary. Solo lei riesce a darmi serenità e tranquillità», ha confessato Francesco. «Con lei accanto non mi manca niente, sono contento. Avere una famiglia è la mia forza, i nostri bambini sono la cosa più importante». «E, di quello che arriverà, non vogliamo sapere se sarà maschio o femmina. Ancora non abbiamo pensato neppure al nome»

Lui è uno dei calciatori italiani più amati dai tifosi. Lei è la conduttrice più ammirata dal pubblico in tv. Francesco Totti, il capitano della Roma, e Ilary Blasi, conduttrice di L Iene su Italia Uno: belli e vincenti, ironici e semplici. E, soprattutto, legati a valori concreti: la famiglia, i figli. Totti, intervistato in tv da Maurizio Costanzo, non ha avuto dubbi: il segreto del suo successo è l’amore per Ilary e per i loro Cristian e Chanel, che hanno sempre protetto anche da una minaccia terribile, come il presunto progetto di rapimento emerso durante il processo per Mafia Capitale.

La grande paura ormai è lontana, tanto che il capitano giallorosso si è raccontato con serenità e ironia nel rinnovato Maurizio Costanzo Show su Rete 4: «Il mio matrimonio dura da dieci anni per merito di Ilary: tiene su tutta la baracca. Ho la fortuna di averla conosciuta. Nel mio mestiere uno deve stare bene di testa e lei mi dà tranquillità e serenità. È una fortuna averla vicino». E poi ancora: «I figli sono la cosa più importante: non mi manca niente, sono contento, sto bene. Avere una famiglia dietro è la mia forza». Una famiglia alla quale il calciatore dedica tutto il tempo libero che ha, specie ora che Cristian gioca negli esordienti della Roma: «Vado spesso a vederlo», sorride Francesco.

«Non mi chiede consigli. Spero che alla fine faccia un altro lavoro. Per lui non è semplice, col mio cognome…». Padri, figli, rapporti che s’intrecciano in famiglia: «Mio padre dice che sono una “pippa”», rivela Totti con la consueta ironia. Ma poi il pensiero più dolce è verso il futuro, verso il terzo figlio, dopo Cristian e Chanel, che nascerà a marzo: «Non abbiamo pensato al nome perché non vogliamo sapere se è maschio o femmina». E il futuro dopo il calcio? «Non ci ho pensato, mi diverto a giocare, sto bene fisicamente. L’età passa e sto arrivando al capolinea. Però finché il fisico regge, continuo». E reggere, star bene, con Ilary e i bambini accanto, è un gioco da ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.