Frutti di bosco e vino rosso ottimi alleati per eliminare i chili in più

0

Sapevate che alcuni cibi possono aiutare a bruciare i grassi in eccesso? Ebbene si,stando al risultato di uno studio effettuato dalla Washington State University, e pubblicato sull’International Journal of Obesity, mangiare ogni giorno circa 2/3 porzioni di frutti di bosco riesce a trasformare il grasso bianco cattivo in grasso scuro “buono” che brucia il grasso bianco trasformando in calorie che vengono poi bruciate per produrre energia. Stesso discorso vale anche per il vino, da quanto emerso sempre dallo studio.

Gli acini così come i frutti di bosco conterrebbero il resveratolo, ovvero un antiossidante, al quale è anche attribuita una probabile azione antitumorale, antinfiammatoria e di fluidificazione del sangue che può limitare l’insorgenza di placche trombotiche.Inoltre, tale sostanza sembra essere importante per la riduzione del colesterolo Ldl meglio conosciuto come il colesterolo cattivo e nel prevenire le malattie cardiache e cardiovascolari.

Stando a quanto dichiarato dai ricercatori, tale elemento ovvero il resveratrolo contenuto nella frutta e di conseguenza nel vino rosso, assieme a tutti gli altri polifenoli, aumentano l’ossidazione dei grassi alimentari, impedendo al corpo in questo modo di appesantirsi di liquidi e di conseguenza dando la possibilità all’organismo di rimanere in equilibrio prevenendo disfunzioni a livello metabolico e l’obesità.

I ricercatori avrebbero condotto una serie di test sui topi a cui stata data anche una dose della sostanza equivalente a circa 340 grammi di frutta al giorno negli adulti; stando ai risultati ottenuti, nonostante i topi abbiano seguito una dieta ricca di grassi, hanno acquisito il 40% i peso in meno rispetto agli animali che non hanno assunto il resveratrolo. 

Rispondi o Commenta