Funerali Valeria Solesin, marsigliese e inno di Mameli per l’ultimo saluto

Nella giornata di ieri a Venezia si sono svolti i funerali di Stato di Valeria Solesin la giovane ricercatrice morta negli attentati di Parigi. L’Italia saluta la giovane connazionale, la cui salma nella giornata di ieri è partita da Cà Farsetti, sede del Comune di Venezia dove si trovava da domenica.I funerali si sono svolti in Piazza San Marco dove sono state suonate dapprima le note dell’Inno di Mameli, la Marsigliese ed ancora l’Inno alla gioia suonato da un gruppo di ottoni de La Fenice.

Alla cerimonia funebre hanno partecipato molte autorità tra le quali il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed ancora il Ministro della Difesa Roberta Pinotti; il Premier Matteo Renzi, invece, non ha partecipato ma aveva fatto visita alla camera ardente.

Tantissimi i messaggi di cordoglio letti in piazza da amici e parenti della giovane Valeria, ma anche tanti messaggi arrivati da autorità di altri paesi, tra i quali Hollande, che ha scritto:«Condivido il dolore della famiglia, famigliari e di tutta l’Italia. Valeria era venuta da noi in Francia per amore della vita e della cultura e ha trovato la morte sotto il fuoco dei terroristi».

«Qualcuno ci ha detto in questi giorni che la nostra famiglia ha rappresentato un esempio di compostezza e dignità quasi che noi potessimo significare un esempio per molti. Se questo è appena lontanamente vero, dico che questo era dovuto e dedicato a tutte le Valerie e Andrea che lavorano, studiano, soffrono e non si arrendono», ha invece dichiarato Alberto Solesin, il padre di Valeria parlando durante i funerali della figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.