Genova, ospedale Gaslini: donna partorisce 4 gemelli monozigoti. Prima volta in Italia

Una rara ma emozionante storia quella che stiamo per raccontarvi.Per la prima volta in Italia sono nati ben quattro gemelli, due maschietti e due femminucce, di nome Vittoria, Costanza, Geremia e Marcantonio.I quattro gemelli sono nati lo scorso 4 dicembre all’Ospedale Gaslini di Genova ed adesso sono ricoverati nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale.Una storia di grande generosità e soprattutto di coraggio quella che vede protagonisti i due genitori, Maria Antonietta ed Andrea, i quali dopo un problema di infertilità al primo tentativo di fecondazione in vitro furono trasferiti in un centro di fertilità siciliano, dopo essersi sottoposti ad una procedura denominata ICSI,ovvero Intro Cytoplasmic-Sperm-Injection.

La coppia racconta che dopo questo primo passaggio, dopo alcune settimane è stato notato che entrambi gli embrioni erano andati incontro a divisione, con la creazione di due set di gemelli completamenti identici, monozigoti. La conseguenza? La gravidanza da bigemina è diventata quadrigemina.

A quel punto, i medici avevano proposto alla coppia due possibilità, ovvero o andare avanti con la gravidanza che comunque avrebbe comportato dei rischi, oppure un’interruzione selettiva di gravidanza. I genitori, però, decisero di andare avanti con la gravidanza, rivolgendosi comunque al Gaslini come centro multidisciplinare di eccellenza per farsi assistere.

“Dopo varie ricerche personali abbiamo deciso di affidarci al professore Paladini e a tutta l’equipe del Gaslini. Qui sono stata seguita nei migliori dei modi, per tutta la gravidanza, durante il parto e ora anche i nostri bambini stanno ricevendo le migliori cure”.

“Siamo felicissimi, per noi e per ogni altra donna che dovesse trovarsi in una situazione simile non abbiamo mai pensato di abortire, ci siamo aggrappati alla fede, ho pensato sono dentro di me e li devo far nascere, se non c’è stato nessuno prima di me, devo essere io il caso positivo per un’altra donna, oggi sappiamo che è andata così, abbiamo i nostri piccoli e possiamo dare coraggio agli altri, è un grande risultato. Voglio dare il mio supporto ad altre coppie che si dovessero trovare ad affrontare un percorso simile. Il professor Paladini mi ha accompagnato in questo difficile percorso: è stato il solo specialista consultato a darci una speranza, proponendoci di procedere passo a passo sempre informandomi sui rischi, con grande professionalità e onestà, ma venendo incontro ai nostri sentimenti“, dichiara la mamma Maria Antonietta.

L’eccezionalità dell’evento è almeno duplice – spiega il prof”. L’esito è stato il parto a 36 settimane con 2 neonati vivi e sani in una, la perdita anche della seconda coppia di gemelli, subito dopo la procedura di interruzione selettiva nell’altra circostanza. “Vi è un’unica gravidanza dello stesso tipo felicemente conclusasi con parto di 4 gemelli (anche in quel caso due maschi e due femmine) negli USA alcuni anni fa, non riportata nelle riviste scientifiche ma solo attraverso i media”.

“I piccoli stanno bene – spiega Dario Paladini, responsabile di medicina e chirurgia fetale, che ha assistito tutta la gravidanza di Maria Antonietta Capobianco – tutti hanno cominciato ad alimentarsi con il sondino, non hanno quasi più bisogno di aiuto respiratorio, e i primi esami di ecografia celebrali sono perfettamente normali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.