Miracolo di Giorgio Grena, dopo cinque anni di coma vegetativo si risveglia

“Ringrazio tutti i miei angeli, che mi hanno sostenuto”, sono queste le parole di ringraziamento pronunciate da Giorgio Grena, 27 anni di Foresto Sparso, il quale dopo ben 5 anni si è risvegliato dal coma vegetativo. Giorgio Grena, a causa di un grave incidente avvenuto nel 2010 sull’autostrada A4, si trovava in stato di coma vegetativo e i medici avevano totalmente escluso che si potesse risvegliare. Per cinque anni, in realtà Giorgio non ha manifestato alcun cambiamento, nessun miglioramento ne peggioramento, una situazione statica e drammatica sostenuta dalla famiglia che però non ha mollato nonostante molti medici abbiano detto più volte che sarebbe stato inutile aspettare e sperare.

“Il termine risveglio è un poco improprio, è più giusto parlare di un miglioramento, per certi versi inatteso dopo ben cinque anni. È certamente un caso su cui riflettere”, spiega Giorgio Maggioni, specialista in riabilitazione neuromotoria alla Fondazione Salvatore Maugeri di Pavia.La mamma Rosa lo ha seguito per questi lunghi cinque anni senza mai abbandonarlo.“Ci ha unito un invisibile, indistruttibile legame che ha dato un senso alla perseveranza dei medici e di quanti con noi non hanno mai smesso di sperare, mettendoci amore e non semplice compassione“, ha dichiarato la mamma del giovane Giorgio che parla di un miracolo.

È stato un miracolo e ne sono consapevole, ma i miracoli avvengono perché ci sono la fede e l’amore.C’è stato un momento in cui ci è stato proposto di portare Giorgio in istituto ma l’abbiamo portato a casa e coinvolto comunque nella nostra vita, nei nostri discorsi. Ci ha unito un invisibile, indistruttibile legame che ha dato un senso alla perseveranza dei medici e di quanti con noi non hanno mai smesso di sperare, mettendoci amore e non semplice compassione”, ha raccontato Rosa Vigani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.